Libri salvati, al via la terza edizione 2021

L’Associazione italiana biblioteche, in collaborazione con l’Associazione italiana di public history e con il patrocinio dell’Associazione italiana editori, promuove Libri salvati la rassegna di letture pubbliche di libri proibiti. Gli eventi che vogliono sottolineare l’importanza della lettura e della libertà di stampa si svolgeranno fino al 16 maggio 2021. AIB Associazione Italiana Biblioteche organizza anche quest’anno una rassegna di letture pubbliche per ricordare il Bücherverbrennungen, cioè i roghi di libri che risalgono al 10 maggio 1933, a Berlino e nelle altre città della Germania nazista, al culmine di una vasta campagna per la “pulizia” della cultura tedesca mediante il fuoco. Furono bruciate le opere di centinaia di autori considerati non conformi all’autentico spirito tedesco, perché di origine ebraica o perché portatori di visioni del mondo distanti da quelle del regime.

Alla terza edizione di Libri salvati partecipano anche le biblioteche delle Scienze Umane dell’Università di Parma, che propongono una selezione di brani da ascoltare in una forma diversa nel rispetto delle regole anticovid. Quest’anno infatti non potendo svolgere le letture in presenza si è pensato di realizzare un video Antonino tra i giganti (https://youtu.be/kzLXoyj9OsE) che raccoglie brani degli autori considerati proibiti, da Franz Kafka a Herman Hesse a Rosa Luxemburg.

L’attuale edizione di Libri salvati è dedicata a libri che sono stati oggetto di censura per vari motivi in tempi anche recenti. Il messaggio del video, girato con la collaborazione del CAPAS (Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo) dell’ateneo parmense, è che il libro è sempre portatore di dialogo, inclusione e libertà di pensiero, quindi non può essere censurato.

Total
2
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La ministra Messa gela gli studenti: "Niente sconti sulle tasse universitarie per le lezioni online"

Next Article

Dal campus al campo, l'aula è il mercato. Così gli studenti trasformano la periferia

Related Posts