L'Europa nel cuore degli universitari

europa.jpgL’Europa ai giovani piace. Soprattutto se hanno studiato. È questo in estrema sintesi il risultato della ricerca “Gli studenti universitari italiani e l’Europa – Conoscenza, percezioni e aspettative” realizzata dall’Associazione universitaria di studi europei e presentata oggi presso la Biblioteca universitaria di Pavia. L’indagine, i cui dati vengono pubblicati nell’imminenza delle elezioni europee del 6 e 7 giugno, è stata condotta con un totale di 18.576 questionari raccolti in 19 facoltà delle 22 università italiane che hanno aderito. In pratica quello che emerge è che il 69% degli universitari italiani ha fiducia nel progetto di integrazione europea, il 37% ha un livello alto di conoscenza della storia e dell’attualità dell’Ue, circa i tre quarti considerano l’immigrazione (72%), la ricerca e lo sviluppo (77%), l’energia (75%) e l’ambiente (79%) come problematiche che dovrebbero essere gestite a livello europeo.

L’UNIONE EUROPEA E LE SUE ISTITUZIONI
Il 37% dei giovani intervistati ha risposto correttamente alle domande riguardanti la storia e l’attualità dell’Unione europea dimostrando di avere un grado elevato di conoscenza dell’organizzazione internazionale. Per gli studenti è stato semplice riconoscere i simboli dell’Unione come l’inno (81%) e la bandiera a 12 stelle (56%), le istituzioni che ne fanno parte come il Parlamento (90%) e la Commissione (77%). Meno noti sono i padri fondatori dell’Unione come Robert Schuman (41%) e Jean Monnet (34%). L’indice di cultura europea aumenta con l’avanzamento dei corsi di studio: il 46% dei giovani che frequentano un corso post laurea ha un grado di conoscenza alto.

LA PERCEZIONE DELL’UNIONE EUROPEA E DELLA SUA MISSIONE
Alla domanda “Qual è la prima reazione che provi pensando al progetto di integrazione europea”, il 69% degli intervistati risponde “Fiducia” e solo il 17% “Diffidenza”. Il giudizio positivo per l’integrazione è alto (74%) tra i ragazzi che hanno un grado elevato di conoscenza della storia e dell’attualità dell’Unione. Sui singoli temi i giudizi sono diversificati. Per il 68% degli intervistati il processo di integrazione ha generato, nel nostro Paese, l’aumento dei prezzi, per il 52% la libertà di viaggiare, studiare e lavorare ovunque e anche, per il 42%, l’immigrazione senza controllo. Proprio sul fenomeno dell’immigrazione il 72% degli interpellati ritiene che dovrebbe essere esercitata la competenza a livello europeo, posizione che si replica anche su ricerca e sviluppo (77%), energia (75%) e ambiente (79%).

L’IDENTITÀ EUROPEA, IL FUTURO E LA COMUNICAZIONE UE
Il 43% dei ragazzi crede che in futuro, con consolidate istituzioni europee, possa esistere un’identità che accomuna i cittadini della Ue e il 58% degli studenti è favorevole all’ingresso di nuovi Paesi nell’organizzazione a patto che vi sia un’attenta valutazione dei candidati. Dalla ricerca emerge inoltre che gli universitari sono molto interessati ai progetti di scambio tra studenti dell’Ue (79%), spinti dal desiderio di conoscere nuovi Paesi nel 68% dei casi e di imparare una nuova lingua (61%). La prospettiva di intraprendere la propria carriera professionale in uno dei Paesi europei risulta interessante per il 79% degli intervistati. I ragazzi denunciano però che l’informazione disponibile sui temi europei è ancora da migliorare (48%) e per il 46% nei propri atenei si parla poco di Unione europea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Terna, al Maxxi la presentazione di Bondi

Next Article

G8, confermati gli arresti dei due studenti

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".