Lettera del ministro Valditara alle famiglie degli studenti di scuola media

La missiva è accompagnata da una serie di informazioni utili a comprendere in quale direzione va il mondo del lavoro

Il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha indirizzato una lettera a tutte le famiglie italiane alle prese con la scelta della scuola in cui iscrivere i propri figli.

Lettera

Nello scritto il Ministro parla di orientamento scolastico, in vista delle date entro le quali sarà possibile presentare le domande di iscrizione per l’anno 2023-2024 (dal 9 al 30 gennaio). II sistema scolastico deve farsi consigliere delle famiglie: genitori, studenti, docenti e istituzioni devono formare una grande alleanza e collaborare per valorizzare i talenti di ogni singolo studente, afferma il ministro. La missiva è accompagnata anche da una serie di informazioni utili a comprendere in quale direzione va il mondo del lavoro, indicando numeri e profili professionali che corrispondono maggiormente al fabbisogno del mercato del lavoro, proponendo le statistiche più recenti sulle opportunità lavorative che ogni Regione offre rispetto agli istituti presenti sul territorio.

Offre, inoltre, una panoramica su come i giovani attualmente si indirizzano dopo il diploma, con uno sguardo al mondo produttivo e uno al mondo dell’università. “Nello spirito di una “grande alleanza” auguro perciò a tutte le studentesse e a tutti gli studenti, con l’aiuto di Voi genitori e il supporto dei docenti che li hanno seguiti in questi anni, di fare le scelte più conformi ai loro sogni, ai loro talenti e ai loro progetti di vita”.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Valditara: "Scuola in Italia ha ancora formazione troppo astratta e poco concreta"

Next Article

Cop15, a Montreal raggiunto “accordo storico” per la tutela della biodiversità

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.