Le giustificazioni più assurde per evitare un brutto voto

Schermata 2013-01-29 a 13.23.23

Gli studenti italiani si sono sempre dimostrati i più fantasiosi.

Falsificare le giustificazioni scolastiche non è mai stato un problema: la vera difficoltà, però, è sempre stata rendere credibili le proprie scuse per non aver potuto studiare, per essere arrivati in ritardo o per il proprio assenteismo incallito.

La rete non viene incontro agli studenti e su moltissimi gruppi Facebook spopolano le giustificazioni scolastiche più bizzarre, che hanno meritato una nota nel registro.

Ecco una piccola classifica delle cinque giustificazioni scolastiche più simpatiche, che hanno meritato una nota ‘bacchettona’ sulla pagina Facebook “Generatore di giustificazioni scolastiche”.

  1. L’alunno giustifica il ritardo sostenendo di essere dovuto tornare a casa perché aveva dimenticato il Tavernello.
  2. L’alunno è stato assente nei giorni 10-11-12 del mese di gennaio 2013. Causa: morte e resurrezione della zia.
  3. Non ho potuto svolgere i compiti assegnati per lunedì, perché la mia religione mi impone di non fare niente la domenica.
  4. Gentile prof., La prego di giustificare mio figlio e di preservarlo dalle interrogazioni odierne. La invito poi a pranzo in un giorno a Sua scelta.
  5. Un classico, ma che funziona sempre: avevo svolto tutti i compiti da Lei assegnati per oggi, ma poi mia madre ha messo in lavatrice lo zaino con i quaderni dentro.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Twitter lancia Vine, ma l'App dà accesso ad una videoteca porno

Next Article

Accenture Italia stanzia 1 milione per idee che favoriscano l'occupazione

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".