Lazio, coprifuoco dalle 24 e didattica a distanza per licei e università tranne per il primo anno

Coprifuoco anche nel Lazio con un’ordinanza firmata ieri sera. Disposta la didattica a distanza al 50% alle superiori con esclusione dei primi anni e al 75% all’università, eccezion fatta per attività di laboratorio e matricole. La Regione ha imposto il coprifuoco dalle 24 alle 5, a partire da venerdì, e reintrodotto l’autocertificazione. Gli spostamenti in orario notturno saranno consentiti solo per motivi urgenti o di lavoro e dovranno essere dichiarati tramite un modulo che sarà a disposizione sul sito della Regione.

In Lazio sono stati 1.219 i nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore, su oltre 20 mila tamponi. “Ci aspettiamo un incremento del valore RT soprattutto nelle province, Roma sta tenendo” ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, che ha anche spiegato: “La rete ospedaliera è entrata nella settima fase, programmati a regime circa 3.000 posti riservati al Covid”. “Queste sono le giornate più difficili – ha sottolineato l’assessore – occorre rigore e rispetto del distanziamento”.

Sono quasi 2 mila i positivi accertati durante l’attività di sorveglianza nelle scuole. Sfiorano i 70 mila i test sierologici al personale scolastico, docente e non docente. Le Asl sono intervenute in 1.077 istituti. Le scuole con focolaio sono state finora 75 e i contagiati riscontrati finora 1.993, di cui 1.670 studenti, in prevalenza nelle scuole secondarie superiori e 323 tra il personale scolastico. Le scuole chiuse per sanificazione dalle Asl sono state nove.

Marco Vesperini

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al via domani il concorso straordinario docenti per 64.563 candidati

Next Article

Coprifuoco in Lombardia, stasera scatta l’ordinanza: dalle 23 alle 5 spostamenti solo per comprovate esigenze. Da lunedì scuole superiori in dad

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".