Lazio, 3 milioni e mezzo per la nascita di nuove imprese e start up

 Uno stanziamento di 3 milioni e mezzo di euro per sostenere la nascita di nuove imprese e l’avvio di start-up attraverso un percorso specifico che prevede attività di formazione, consulenza e affiancamento. Questi gli obiettivi dell’Avviso pubblicato dall’Assessorato al Lavoro nell’ambito del programma Garanzia Giovani messo in campo dalla Regione Lazio per favorire l’avvio di iniziative imprenditoriali promosse da giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, che abbiano aderito al programma europeo per l’occupabilità giovanile.

“I drastici cambiamenti  che sono avvenuti nel mercato del lavoro per effetto della crisi economica, – ha dichiarato l’Assessore regionale al Lavoro Lucia Valente – impongono di allargare le misure di politica attiva del lavoro  per favorire l’inserimento o il reinserimento delle persone nel tessuto produttivo.  Per questa ragione abbiamo scelto di accompagnare con un programma dedicato all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità i giovani che scelgono  di rischiare e di mettersi in gioco in prima persona.  I ragazzi sanno bene che la strada non è più segnata, come molti anni fa, e che allo studio non sempre segue un lavoro subordinato. Il lavoro bisogna – oltre che cercarlo – anche inventarlo”. “Per questo motivo – ha concluso Valente – la Regione Lazio offre il supporto, sia finanziario sia di affiancamento a tutti coloro che hanno interesse ad avviare una attività nell’ambito del lavoro autonomo o libero professionale. Con questo Avviso vogliamo continuare ad essere vicino a quei giovani che, anche attraverso percorsi di orientamento specialistico, scelgono la strada dell’autoimpiego, fatta di capacità di innovazione e capacità di organizzazione e di gestione”.

La durata dei percorsi di accompagnamento all’avvio di impresa è di 100 ore complessive suddivise tra fase di accompagnamento e attività di formazione, che sarà svolta da Bic Lazio. Oltre alle azioni previste da questo avviso i ragazzi potranno partecipare alle agevolazioni previste dal Fondo rotativo nazionale, in fase di costituzione, che è uno strumento finanziario partecipato dalla Regione Lazio e finalizzato all’erogazione di prestiti fino a 50mila euro per la creazione di impresa da parte degli aderenti al programma  Garanzia Giovani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Novara, il miracolo a scuola: un'intera classe trova lavoro a 2 mesi dal diploma

Next Article

Troppa competitività: nel Regno Unito il 15 % degli studenti di medicina ha pensato al suicidio

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.