Lavoro, oggi incontro con le parti sociali. Bonanni: “Si alla staffetta generazionale”

Schermata 2013-05-22 a 10.42.22

”Niente assoli. Stavolta non faremo sconti. Se sul lavoro il governo pensa di fare di testa sua, l’equilibrio sociale rischia il crac”. Lo afferma in una intervista al Mattino il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, sottolineando che oggi al tavolo con il governo la parola d’ordine sara’ ”no agli unilateralismi”. ”Siamo stufi di accogliere esecutivi che ogni volta che si insediano prendono decisioni per conto loro tagliandoci fuori da tutto. Il ruolo delle parti sociali specialmente quando si parla di politiche per il lavoro e’ indispensabile”.

E bisogna evitare ”che la furia ideologica finisca per impossessarsi pericolosamente di pezzi del governo”. Il governo, aggiunge Bonanni, ”adesso scopra le carte. Ci dica le coordinate e i contenuti del quadro di interventi di politica economica entro il quale intende muoversi e soprattutto affidi a noi le soluzioni”. ”Abbiamo pronta la nostra proposta”: ”concentrate le risorse sulla staffetta generazionale. Lo abbiamo sperimentato con il contratto dei chimici ed ha funzionato”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La nostra lingua il vero made in Italy

Next Article

ll sesso fa bene, parola di ministro

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.