Lavorare con l'arredamento etnico

Opportunità interessanti da “Maison du Monde” l’azienda francese operante nel settore dell’arredamento etnico e internazionale. Nei negozi della società, infatti, si possono trovare oggetti e complementi d’arredo appartenenti a stili diversi e provenienti da tutto il mondo e i clienti possono creare il loro arredamento mescolando tendenze e stili.
La ultime ricerche della società si rivolgono a commessi nella città di Udine e a un Direttore di negozio su Bologna. Per gli addetti alla vendita occorre passione per il settore dell’arredamento, propensione alla vendita, positività e dinamicità. Il Direttore avrà la totale gestione del negozio, dovrà conoscere la lingua francese e aver maturato un’esperienza lavorativa precedente in ruoli analoghi.
Per maggiori informazioni sull’azienda e i suoi prodotti si può consultare il sito it.maisonsdumonde.com, mentre la candidatura può essere inviata scrivendo all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
2 comments
  1. Cosa dire di più! (addiritura mi sono candidata per lavorare per questa azienda ho inviato un c.v.) sono rimasta affascinata di tanti e tanti oggetti,mobili,articoli da regalo che ho potuto oggi vedere, ammirare e curiosare all’interno del punto vendita della “Maisons du Monde” del Terminal nord di Udine, vivo molto vicino ma prima d’ora non ero mai entrata, ma come da sempre curiosa e non poco di conoscere sempre le novità nel settore arredamento mi hanno spinto ad entrare. Oggi mi convinco sempre di più che: non serve avere a disposizione un grandissimo budget per arredare una casa, basta avere il buon gusto e la raffinatezza nella scelta di un mobile piuttosto che un’altro. Oggi La Maisons du Monde mi ha dato molte idee d’arredo ad un costo contenuto.Consiglio le giovani coppie a visitare questa catena di negozi perchè credetemi si può arredare la propria casa spendendo poco.

Lascia un commento
Previous Article

Alla guida un po' alticci? Addio auto

Next Article

Tasse, Unifi verso una soluzione

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.