Alla guida un po' alticci? Addio auto

3f68_18.jpgNon solo il dramma di dirlo ai parents con annessione della multa salata da pagare. Oggi mettersi alla guida dell’auto quando si è un po’ “alticci” può comportare qualche problemino in più: la confisca dell’auto che passa direttamente nel patrimonio dello Stato.
È quanto previsto dal decreto sicurezza entrato in vigore da una settimana e quanto successo la scorsa notte a A. R., 22 anni, nato in Ecuador, ma da diversi anni stabilmente a Milano con la famiglia. È lui la prima vittima di una normativa che prevede il sequestro dell’auto da parte delle forze dell’ordine e il passaggio allo Stato della proprietà dell’auto. Se però sul mezzo c’è qualcuno in grado di guidare (quindi non in stato di ebbrezza), l’auto può essere lasciata a lui.
Il giovane milanese d’adozione era alla guida della sua Mazda serie 3, colore blu scuro, quando verso le 6 del mattino stava percorrendo via dei Tulipani, traversa di via Lorenteggio, in senso contrario. Non l’ha passata liscia perché una pattuglia di vigili l’ha fermato e l’ha sottoposto al test per verificare il tasso di alcol nel sangue. Che si è rivelato essere un po’ troppo: oltre 2,5 grammi per litro con un limite consentito di 0,5.
L’epilogo è presto deducibile: auto sequestrata, ritiro della patente e segnalazione alla magistratura per stato di ebbrezza. Il ragazzo non era da solo, ma neanche il suo amico era nelle condizioni di guidare, quindi addio Mazda 3. Auto che ora si trova in un deposito comunale per il quale il giovane dovrà pagare il costo quotidiano. A cui si aggiungeranno una multa poco superiore a 6.700 euro e la perdita definitiva dell’auto che con molta probabilità verrà messa all’asta.

Total
0
Shares
4 comments
  1. Certo se il tasso alcolico del conducente dell’auto è di molto superiore ai limiti è giusto che si dia un segnale da parte delle forze dell’ordine a far rispettare le leggi,quindi da parte mia questo ragazzo si è meritato a tutti gli effetti la confisca della propria macchina. Questo però è un segnale che deve essere recepito dall’intera popolazione,giustamente con una linea molto dura da parte dei vigili e polizia stradale, ricordando che nel nostro paese sono molte le vittime della strada a causa dell’assunzioni di alcol e droghe.
    Solo con leggi severe si può migliorare l’educazione di un popolo.

  2. L ‘alcol é una bestia terribile cammuffata da Governo; sembra che ti dia ma poi ti toglie tutto. E appunto come il Governo é falso, pieno di bugie e dubbie promesse. Solo che il Governo non ti toglie la dignitá.O si guida o si beve…Questo ragazzo è adulto e DEVE prendersi le SUE responsabilità. Dovrà imparare a prendere i mezzi pubblici per andare a lavoro, forse subirà un processo, non potrà guidare per molto tempo…ipotizzo che la prossima volta ci penserà a lungo a bere prima di mettersi al volante !

  3. SECONDO ME è GIUSTO(E SPERO VALGA A QUALCOSA) PRENDERE SERI PROVVEDIMENTI U QUESTO GRAVE PROBLEMA CHE è ORMAI ALL’ORDINE DEL GIORNO. MA PENSO CHE DOBBIAMO ESSERE PRIMA DI TUTTO NOI A RENDERCI CONTO SE SIAMO O NO IN GRADO DI GUIDARE UN’AUTOMOBILE. LO STATO PUò METTERE TUTTE LE SANSIONI POSSIBILI MA SENZA LA MATURITà E LA COSCIENZA DELLA GENTE NN CREDO SERVA A MOLTO!

  4. Finalmente qualcosa di serio.Il problema ora e che queste norme,saggiamente decise dal nuovo governo,vengano messe in atto,perche il problema nasce sempre dalla certezza della pena ,in quanto in italia basta una conoscenza e al posto di perdere una mazda 3 ci si puo tenere una mazda 6!!!

Lascia un commento
Previous Article

Le Metro romane cercano un neoingegnere

Next Article

Lavorare con l'arredamento etnico

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).