Lavorare in banca diventando family banker

Banca Mediolanum cerca personale da formare e impiegare nella figura professionale di “family banker”. Questo ruolo consiste nell’essere un consulente finanziario che cura nel dettaglio gli investimenti dei propri clienti (a livello di servizi bancari, previdenza, investimenti, finanziamenti, mutui) diventando il punto d’incontro tra la banca e il cliente.
Il family banker gestisce in autonomia il suo impegno lavorativo e viene formato direttamente dall’azienda tramite la Mediolanum Corporate University. Nel corso del 2009, Banca Mediolanum si sta preparando a reclutare quattrocento nuovi consulenti: l’azienda recluta sia professionisti con provenienza dal settore bancario, magari specializzati nella gestione dei titoli, sia novellini, d’età compresa tra i 25 e i 40 anni e esperienza in altri campi, in possesso di diploma o di una laurea.
Come spiegato sul sito internet aziendale i candidati ideali hanno un diploma o una laurea e un’esperienza lavorativa di almeno due anni. Tra coloro che si affacciano sul mercato del lavoro per la prima volta, invece, sono preferiti gli under 25. Per candidarsi basta collegarsi al sito internet www.familybanker.it. Qui, dalla home page è possibile inviare il curriculum.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Chirurghi in fuga dagli ospedali

Next Article

Alla Sapienza il nuovo parcheggio multipiano

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.