L’Ateneo di Palermo dà l’addio ai Dipartimenti

Schermata 01-2456312 alle 08.02.44

Anche Palermo recepisce, a partire dal prossimo anno il nuovo statuto previsto dalla Legge Gelmini. E così addio alle 12 storiche facoltà, sostituite da 5 macroaree organizzate in 20 dipartimenti (ad oggi 33).

La macroaree faranno capo ai settori Giuridico – Economico e politico – Sociale, Umanistico, Tecnologico, Biologico – Fisico – Matematico, Medico guidate non più da Presidi ma Direttori di dipartimento. E anche i 145 corsi di laurea potrebbero subire una scrematura.

Questo taglio comporterà all’Ateneo un risparmio di 1milione di euro in due anni (250mila rispetto all’anno in corso e 750mila rispetto al precedente), le cui casse tuttavia soffrono ancora di un debito pari a più di 4milioni.

Le detrazioni maggiori hanno riguardato i contratti di insegnamento (12% in meno rispetto a due anni fa) e l’acquisto di beni e servizi (taglio del 49% rispetto a 5 anni fa).

Non solo tagli, è quel che promette il rettore Lagalla: «Presto statini online per eliminare i ritardi di caricamento degli esami e question time mensile per gli studenti». In via sperimentale, costituirà uno spazio attraverso cui gli iscritti potranno porre domande al Rettore e ai vertici accademici.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udu, seggi esteri per gli studenti Erasmus

Next Article

Le nuove regole per la patente di guida

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.