L'Aquila, G8 nella città svuotata

g8aquila.jpgTutto pronto all’Aquila, nella Scuola della Guardia di Finanza di Coppito, che da oggi al 10 luglio ospiterà l’evento del G8. I controlli si fanno sempre più serrati, le scosse sismiche continuano – ieri notte ce n’è stata una di magnitudo 2.8 – e la città blindata si svuota. Zona militarizzata, ogni centimetro della struttura è monitorato per garantire la sicurezza dei lavori. Una zona off limits all’interno di un territorio squarciato dalle ferite del terremoto del 6 aprile scorso, non ancora rimarginate.
Non sono solo i commercianti della zona rossa a rimanere chiusi ma anche molti altri delle zone periferiche hanno deciso di chiudere i battenti per i prossimi giorni per paura di scontri. Così la città, già semivuota e affollata solo nelle tendopoli, rimane quasi deserta perché chi ha potuto se n’è andato in ferie e tornerà dopo il G8, quando la situazione sarà tornata alla normalità.
In molti esercizi pubblici, intanto, sono state montate speciali saracinesche a prova di ‘no global’. Questo per il timore di devastazioni di negozi che hanno appena riaperto dopo i necessari lavori. Negozi blindati, dunque, e Autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo presidiata ad ogni angolo.
Sui ponti, in particolare, ci sono pattuglie fisse mentre i controlli avvengono a campione anche in tutte le aree di servizio. Durante il G8 la costruzione delle nuove case antisismiche proseguirà senza dubbio. Lo ha assicurato il sottosegretario Guido Bertolaso. Intanto lo sciopero dei benzinai in programma l’8 ed il 9 luglio non interesserà L’Aquila e la sua provincia proprio per la concomitanza con il vertice internazionale. Il G8 inizierà operativamente nel pomeriggio quando, dopo la colazione di lavoro, saranno affrontati, dalle 15.30 alle 17.30, i temi globali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Aquila, antropologo contro "Shock Economy"

Next Article

Premio giornalistico in memoria di Siani

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.