L'Aquila, antropologo contro "Shock Economy"

terremoto.jpgAll’indomani dei disastri e delle catastrofi “naturali”, spesso provocate anche dalla malaccortezza dell’uomo, i soldi della ricostruzione hanno sempre rappresentato un bottino molto ghiotto, dunque preda di speculazione edilizia e malaffare. “Il piano casa per dare un alloggio agli sfollati è un caso di shock economy”. La denuncia arriva da Antonello Ciccozzi, docente di Antropologia Culturale all’Università degli Studi dell’Aquila, intervenuto al forum per la ricostruzione sociale svoltosi ieri nel capoluogo abruzzese.
«È un pretesto – sottolinea – attraverso il quale con l’emergenza s’impone a un territorio un’opera calata dall’alto. Si utilizzano ingenti investimenti nazionali per i quali lo Stato più che curare le popolazioni terremotate aiuta se stesso all’interno di ottiche di profitto».
Il professor Ciccozzi attacca il Comune ritenuto complice perché riguardo l’operazione dei siti ha preservato i terreni prossimi alla cintura urbana di proprietà della Chiesa, del demanio e delle imprese edili. «C’è anche la complicità dello Stato che, più che preservare il territorio e la sua qualità della vita, fa gli interessi di grandi potentati economici», conclude il docente.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini a luglio con l'editore Curcio

Next Article

L'Aquila, G8 nella città svuotata

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".