Mostra AfriCAM. Un'occasione di integrazione

africam-foto.jpgNon si può certo dire che la mostra “AfriCAM” sia iniziata nel migliore dei modi, eppure sarà visibile a tutti solo il 5 dicembre presso il museo CAM Contemporary Art Museum di Casoria. Un bambolotto di colore è stato trovato infilzato sul cancello d’ingresso del museo, un segno di evidente intolleranza alla cultura africana.

Ma di certo questo atto di pure vandalismo non toccherà l’animo di chi esprime se stesso attraverso un’opera d’arte. Alla mostra prenderanno parte anche associazioni che si occupano costantemente degli immigrati africani come ad esempio i “Rifugiati di Napoli”, “LTM”, l’ Ufficio Diocesano Migrantes e Medici senza Frontiere.

Antonio Manfredi, curatore dell’evento, ha messo in atto una nuova forma di collaborazione: gli artisti di AfriCAM infatti, sono stati contattati direttamente, senza avere gallerie o collezionisti da tramite. Le opere sono pure, essenziali ma soprattutto prive di occidente e saranno stabili al museo fino al 28 febbraio 2010.

Mercoledì 2 dicembre alle ore 12.00 avrà luogo una conferenza stampa presso la libreria UBIKLIBRI in via B. Croce a Napoli dove si dibatterà sulla moderna condizione degli immigrati e sarà un’intensa occasione di integrazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’Adi al Miur:“80mnl per la ricerca”

Next Article

Derby del cuore per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.