Mostra AfriCAM. Un'occasione di integrazione

africam-foto.jpgNon si può certo dire che la mostra “AfriCAM” sia iniziata nel migliore dei modi, eppure sarà visibile a tutti solo il 5 dicembre presso il museo CAM Contemporary Art Museum di Casoria. Un bambolotto di colore è stato trovato infilzato sul cancello d’ingresso del museo, un segno di evidente intolleranza alla cultura africana.

Ma di certo questo atto di pure vandalismo non toccherà l’animo di chi esprime se stesso attraverso un’opera d’arte. Alla mostra prenderanno parte anche associazioni che si occupano costantemente degli immigrati africani come ad esempio i “Rifugiati di Napoli”, “LTM”, l’ Ufficio Diocesano Migrantes e Medici senza Frontiere.

Antonio Manfredi, curatore dell’evento, ha messo in atto una nuova forma di collaborazione: gli artisti di AfriCAM infatti, sono stati contattati direttamente, senza avere gallerie o collezionisti da tramite. Le opere sono pure, essenziali ma soprattutto prive di occidente e saranno stabili al museo fino al 28 febbraio 2010.

Mercoledì 2 dicembre alle ore 12.00 avrà luogo una conferenza stampa presso la libreria UBIKLIBRI in via B. Croce a Napoli dove si dibatterà sulla moderna condizione degli immigrati e sarà un’intensa occasione di integrazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’Adi al Miur:“80mnl per la ricerca”

Next Article

Derby del cuore per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.