#labuonascuola: blitz al MIUR degli studenti e proteste a Montecitorio

Nella notte l’Unione degli Studenti ha fatto un blitz al MIUR per lanciare la nuova ondata di proteste per il giorno del voto finale alla Camera del ddl Buona Scuola. “Negli ultimi tre giorni si sono susseguite assemblee, scioperi bianchi, lezioni in piazza, blocchi stradali e catene umane per urlare a gran voce che la scuola e la democrazia sono nelle nostre mani, contro le imposizioni dall’alto” – commenta al Corriere dell’Università l’Unione degli Studenti. A Roma il presidio di Montecitorio inizierà dalle 8.30
“La democrazia italiana sta subendo una forzatura gravissima ed inaccettabile. Il Governo Renzi, nonostante la forte e maggioritaria contrarietà espressa negli ultimi mesi, ci vuole dare una lezione di forza, approvando un provvedimento che non ha mai tenuto conto dei bisogni e delle voci del Paese reale.” – dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – “Con la Buona Scuola Renzi vuole chiudere un ciclo di riforme neoliberiste e autoritarie: dopo il Jobs Act, lo Sblocca Italia e l’Italicum, il cerchio si chiude imponendo un modello di scuola padronale con un dirigente che decide tutto in forma diretta e indiretta, succube dei privati, palestra di precarietà per docenti e studenti, in cui le diseguaglianze attraverso lo school bonus vengono legittimate anziché abbattute, in cui scuola privata e scuola pubblica vengono messe in concorrenza falsata, salvo poi concedere nuove agevolazioni a favore di quest’ultima.”
“Accogliamo positivamente lo stralcio del 5 x 1000, denunciato più volte dall’Unione degli Studenti come potenziale strumento di legittimazione di nuove disuguaglianze, ma rivendichiamo un cambio di marcia radicale sui finanziamenti: si preveda un piano di finanziamento pluriennale che ci porti a raggiungere la media europea del 6% in PIL di investimenti in istruzione, invece di prevedere meno investimenti come scritto nel DEF” – continua Lampis – “Noi non siamo conservatori come ci vuole dipingere il Governo: negli ultimi mesi abbiamo fatto delle proposte concrete contenute ne l’Altra Scuola, documento frutto delle mobilitazioni studentesche, presentato anche alla Camera il 10 marzo. Chiediamo di partire da 7 priorità: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell’istruzione; un’alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata; finanziamenti per il rilancio della scuola pubblica; una riforma della valutazione in chiave democratica; investimenti sostanziosi sull’edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell’autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica. Non ci hanno voluto ascoltare, preferendo le pagine di Confindustria e facendo aperture di facciata!”
“Riteniamo inaccettabile che lo stralcio delle assunzioni non sia stato fatto legandole alla discussione del ddl, col fine di porre il ricatto dei tempi. D’altro canto le deleghe vanno stralciate e i provvedimenti vanno discussi democraticamente!” – conclude l’UdS – “Siamo pronti a sostenere nuove forme di lotta, comprese quella dello sciopero degli scrutini, qualora il Governo non si degnasse di ascoltare questo straordinario movimento di protesta e proposta.”

Le foto delle proteste
torino napoli 4 genova 3 foggia cava

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diretta Streaming - La votazione finale del DDL La Buona Scuola

Next Article

Fondazione Heinrich Böll: 1000 borse di studio per studenti, laureandi e dottorandi

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".