Fondazione Heinrich Böll: 1000 borse di studio per studenti, laureandi e dottorandi

Grande opportunità di studio per giovani studenti, laureati e laureandi in tutte le discipline. Come ogni anno (per due sessioni annue), la Fondazione Heinrich Böll mette a disposizione circa 1000 borse di studio per studiare in Germania, destinate a laureandi, laureati e dottorandi di tutte le discipline, di tutte le nazionalità, che studiano presso università, università di scienze applicate o università delle arti.
I requisiti indispensabili per percepire le borse di studio sono: avere una eccellente carriera accademica ed essere in qualche maniera attivi nei campi di interesse della fondazione Heinrich Böll ovvero ecologia e sostenibilità, democrazia e diritti umani, autodeterminazione e giustizia. Anche la conoscenza della lingua tedesca viene considerato  un requisito essenziale.
Due le tipologie di borse erogate dalla fondazione tedesca: una di carattere generale, assegnabile a studenti, laureandi e laureati di tutte le discipline; l’altra dedicata specificatamente ai dottorandi. Per entrambe le borse, i candidati potranno candidarsi anche prima di iniziare il proprio ciclo di studio o comunque entro i primi 3 semestri.
La scadenza per la prossima sessione di borse è fissata al 1 settembre 2015 (generlamente, la seconda sessione di borse di studio scade il 1 marzo). La fondazione accetta solo le candidature online effettuate tramite l’apposito form. Le candidature verranno aperte circa 6 settimane prima della deadline.
Per avere maggiori informazioni su questa offerta consultate il sito internete della fondazione Heinrich Böll.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#labuonascuola: blitz al MIUR degli studenti e proteste a Montecitorio

Next Article

Stress da esame? All'Università si combatte accarezzando cuccioli di cane

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.