Fondazione Heinrich Böll: 1000 borse di studio per studenti, laureandi e dottorandi

Grande opportunità di studio per giovani studenti, laureati e laureandi in tutte le discipline. Come ogni anno (per due sessioni annue), la Fondazione Heinrich Böll mette a disposizione circa 1000 borse di studio per studiare in Germania, destinate a laureandi, laureati e dottorandi di tutte le discipline, di tutte le nazionalità, che studiano presso università, università di scienze applicate o università delle arti.
I requisiti indispensabili per percepire le borse di studio sono: avere una eccellente carriera accademica ed essere in qualche maniera attivi nei campi di interesse della fondazione Heinrich Böll ovvero ecologia e sostenibilità, democrazia e diritti umani, autodeterminazione e giustizia. Anche la conoscenza della lingua tedesca viene considerato  un requisito essenziale.
Due le tipologie di borse erogate dalla fondazione tedesca: una di carattere generale, assegnabile a studenti, laureandi e laureati di tutte le discipline; l’altra dedicata specificatamente ai dottorandi. Per entrambe le borse, i candidati potranno candidarsi anche prima di iniziare il proprio ciclo di studio o comunque entro i primi 3 semestri.
La scadenza per la prossima sessione di borse è fissata al 1 settembre 2015 (generlamente, la seconda sessione di borse di studio scade il 1 marzo). La fondazione accetta solo le candidature online effettuate tramite l’apposito form. Le candidature verranno aperte circa 6 settimane prima della deadline.
Per avere maggiori informazioni su questa offerta consultate il sito internete della fondazione Heinrich Böll.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#labuonascuola: blitz al MIUR degli studenti e proteste a Montecitorio

Next Article

Stress da esame? All'Università si combatte accarezzando cuccioli di cane

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.