La Volonté de Comprendre

1_facade.jpgDal 24 al 27 novembre presso l’ Institut français de Naples, in via Crispi 86, si terrà « La Volontà di comprendere » un convegno franco-italiano in omaggio a Jean-Pierre Vernant e Pierre Vidal-Naquet. Due grandi figure intellettuali francesi che si sono distinti, durante tutta la vita, per un impegno senza cedimenti nelle lotte che giudicavano utili alla democrazia : la resistenza al nazismo, la lotta contro il colonialismo ed il negazionismo, il sostegno ai diritti dell’uomo, l’esigenza di giustizia e verità, la difesa di una certa idea dell’insegnamento.
Il convegno, che mobilizza sia filosofi e specialisti di diritto o di storia contemporanea, sia archeologi e storici dell’Antichità, è stato organizzato da Laura Barletta – Istituto Italiano di Scienze Umane; Luisa Breglia – Università di Napoli “Federico II”; Jean-Pierre Brun – Centre Jean Bérard; Giuseppe Carillo – Università di Napoli “Suor Orsola Benincasa”; Michel Gras – Ecole Française de Rome; Alexandra Herlaut – Institut français de Naples; Arturo Martorelli – Istituto Italiano per gli Studi Filosofici; François de Polignac – Centre Louis Fernet; Angela Pontrandolfo – Università di Salerno; Amneris Roselli – Università di Napoli “L’Orientale”; Alain Schnapp – Université Paris 1 Sorbonne; Martine Segonds-Bauer – Institut français de Naples.
« Quando si tratta non d’insegnare per l’uno e di apprendere per l’altro, ma di cercare insieme di capire, difficile decidere quale dei due dà di più.» Jean-Pierre Vernant

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Personale tra le auto in varie città

Next Article

Onoreficenza francese alla prof.ssa Giulia Papoff

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".