Onoreficenza francese alla prof.ssa Giulia Papoff

giuliapapoff.JPGLa professoressa Giulia Papoff, docente di lingua francese dell’ Università degli Studi del Sannio e direttore scientifico del Centro Linguistico dell’Ateneo, ha ricevuto, presso l’Istituto francese di Grenoble a Napoli, dal console generale di Francia, François Cousin, il conferimento ufficiale di ‘Chevalier dans l’Ordre des palmes académiques’, un’’importante onorificenza che viene assegnata dal Ministero francese dell’Educazione a chi opera fattivamente per la cooperazione educativa apportando contributi sostanziali a sostegno della lingua e della cultura francese.
La professoressa vanta numerose pubblicazioni, la sua attività di ricerca è orientata essenzialmente verso l’analisi linguistica del testo letterario, i meccanismi del senso nel campo della sinonimia, la didattica della lingua francese, la pragmatica traduttiva e la traduttologia.
Alexandre Dumas è al centro dei suoi interessi scientifici. Un altro aspetto poco studiato, ma certamente molto interessante, del panorama traduttivo, del quale si è occupata recentemente la professoressa, è quello dei meccanismi del senso e in particolare della traduzione dei sinonimi.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La Volonté de Comprendre

Next Article

Profili tecnico-scientifici: introvabili

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".