Non solo scuola: la tv che orienta

Oggi la tv si fa Musa Ispiratrice per i giovani fan delle serie tv americane. “Da grande voglio diventare come Dottor House”.

Da decenni ormai, la televisione è tacciata di fornire cattivi esempi, di essere diseducativa. Troppo spesso, però, si sottovaluta l’influenza positiva che può esercitare sui giovani. Negli ultimi anni le serie televisive sono state pensate e costruite con lo scopo di mettere in scena la vita quotidiana, con le sue difficoltà e le sue possibilità. É così che la tv diventa maestra, compagna, ispiratrice: svela e racconta attraverso le fiction il mondo che ci circonda. D’altra parte guardare una serie tv americana permette ai suoi fan di proiettarsi in una realtà lontana e sconosciuta, un po’ per conoscerla ma un po’ anche per fantasticare. Così tra i giovani prende piede una nuova e dirompente tendenza: scoprire nuove professioni, affascinanti ma poco note, e nuove passioni attraverso il tubo catodico.
Questo mondo “televisivo” lo si ritrova in un altro mezzo di comunicazione: i forum della rete. Questi “non luoghi” in cui i giovani fan delle serie tv americane non hanno né vergogna né paura di esprimersi, sognare, giocare, condividere le proprie aspirazioni con gli altri. Ed è proprio in uno dei molteplici forum dedicati alle fiction che ci siamo imbattuti in giovani desiderosi di diventare psicologi-criminologi perché rimasti sedotti da Cal Lightman, il protagonista della serie americana Lie to me, o dalla squadra di Crimial Minds.
I fan non sono, quindi, così sprovveduti come spesso si pensa: sono ragazzi intelligenti ed esigenti che inseguono un sogno, che si pongono domande pragmatiche e si scontrano con la realtà quotidiana. Perché  ignorare questo fenomeno quando si può invece collaborare con la tv per aiutare e illustrare ai giovani fan delle serie tv come percorrere strade ancora poco battute per diventare finalmente ciò che desiderano? Le serie tv, intorno a cui i giovani oggi costituiscono veri e propri universi, possono diventare importanti mezzi per comunicare con i giovani, cercare di capirli e di rispondere alle loro esigenze e aspettative. Ovviamente sempre in un’ottica di formazione e non di “alienazione” dalla realtà che li circonda.
Chi sono questi giovani fan? Abbiamo riunito per voi una raccolta di quesiti di giovani (dai nomi improbabili) per i quali la “tv orienta”.
Annalisa Amato

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Seconda prova...scuola per scuola

Next Article

Le soluzioni della maturità

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.