LA TRAGEDIA – Addio Luigi, il ricercatore italiano morto in Antartide. Il saluto commosso del mondo accademico

ricercatore italiano
Luigi Michaud, in una foto in Antartide

 

E’ morto seguendo la sua passione. Se n’è andato così Luigi Michaud, ricercatore italiano del Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali dell’Università di Messina.

Michaud, 40 anni, stava svolgendo attività scientifica subacquea per il prelievo di campioni marini. Si trovava in Antartide, a Baia Terra Nova. A diramare la notizia è stato l’Enea. Il ricercatore avrebbe avvertito un malore proprio mentre era ancora in acqua. E’ la prima volta che un italiano muore in Antartide nella storia delle spedizioni e delle ricerche italiane.

“Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano” – commenta il capo della spedizione italiana in Antartide, Franco Ricci, dell’Enea. Si ì comunque al lavoro per preparare una relazione sull’accaduto, da inviare al ministero.

Anche il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa del Dottor Michaud “Il ministro esprime vicinanza alla famiglia e a tutta la comunità universitaria di appartenenza del ricercatore” – si legge in un comunicato.

“Gli uomini della ricerca italiana ai Poli operano ogni giorno in condizioni ambientali estreme, animati dalla fede nella loro missione e dalla consapevolezza di svolgere una funzione importante per l’intera umanità, senza risparmiarsi e con grande coraggio – commenta il presidente del Cnr, Luigi Nicolais. A Luigi Michaud, la cui vita si è interrotta così tragicamente nel mare che tanto amava, va il saluto commosso di tutto il Consiglio Nazionale delle Ricerche”

Michaud era nato il 5 ottobre 1974, lascia la moglie e due figli. Nel 2001 si era laureato in Scienze Biologiche, e nel 2007 aveva conseguito il dottorato in Scienze Ambientali. Già nel marzo 2010 aveva partecipato ad altre spedizioni in Antartide.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Regione Campania, le tasse universitarie aumentano da 62 a 140 euro. Gli studenti: "Hanno rubato i soldi"

Next Article

A Napoli arriva il Sabato delle Idee

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).