Regione Campania, le tasse universitarie aumentano da 62 a 140 euro. Gli studenti: “Hanno rubato i soldi”

la regione ruba

Un aumento che ha fatto discutere: nella regione Campania la tassa regionale per il diritto allo studio è passata, per quest’anno, da 62 a 140 euro. Un dato tra i più alti in Italia, in una regione che – peraltro – copre solo il 27 % degli aventi diritto alle borse di studio.

Insomma, nonostante gli aumenti – denunciano gli studenti  – gli enti per il diritto allo studio sono rimasti con i soliti 62 euro a disposizione per ogni studente. E gli altri soldi? “E’ colpa dei continui tagli all’istruzione, commentano dall’Unione degli Universitari. Ancora più grave è che il gettito di una tassa regionale, vincolato per legge all’erogazione delle borse di studio, venga dirottato su altro in palese contrarietà alla finalità della tassa stessa” – scrivono in un comunicato inviato alla redazione del Corriere dell’Università.

“E’ vergognoso che la giunta regionale si sia appropriata indebitamente di fondi che per legge devono essere devoluti esclusivamente al diritto allo studio universitario considerato che pesano sulle spalle di noi studenti. La Giunta regionale deve immediatamente fare chiarezza sui conti e restituisca quanto ha ‘rubato’ agli studenti! Per questo abbiamo infatti lanciato una petizione online che conta oltre 700 sostenitori su change.org.” – commenta Lorenzo Fattori, Coordinatore Unione degli Universitari Napoli.

“Sulla base dei dati raccolti a livello nazionale abbiamo calcolato che la Regione Campania ha speso nel 2012/2013 2,8 milioni in meno di quanto ha ricevuto da noi studenti! E’ vergognoso che a fronte di continui tagli sul diritto allo studio non solo aumentino le tasse regionali chieste a noi studenti ma tali soldi non vengano reinvestiti per il diritto allo studio – conclude Gianluca Scuccimarra, Coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari. Non è possibile che gli unici ad essere colpiti siamo noi studenti: chiediamo a gran voce chiarezza su dove siano finiti tali soldi e la loro immediata restituzione ai numerosi studenti idonei e non beneficiari della Regione Campania!”. Gli studenti hanno lanciato anche una petizione on line:  https://www.change.org/it/petizioni/firmiamo-per-la-restituzione-agli-studenti-della-tassa-regionale-sul-diritto-allo-studio

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cremona e Lucca: stage retribuiti da 700 euro al mese per giovani disoccupati

Next Article

LA TRAGEDIA - Addio Luigi, il ricercatore italiano morto in Antartide. Il saluto commosso del mondo accademico

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".