La scuola scende in piazza: oggi tre manifestazioni a Roma

‘La buona scuola siamo noi’: dietro questo striscione è partito da piazza della Repubblica il corteo degli studenti romani contro il piano scuola del governo Renzi e il Jobs Act, Roma 10 ottobre 2014. Centinaia di liceali sfilano tra le strade della Capitale al grido di ‘Tutti insieme famo paura’, ‘No alla scuola dei padroni 10, 100mila occupazioni’ ed accendendo fumogeni colorati. ANSA/ CLAUDIO PERI

Il mondo della scuola torna in piazza: tre le manifestazioni indette per la mattinata di oggi a Roma. A far sentire la propria voce sono sia i sindacati di settore, che i docenti e gli studenti, tutti uniti contro la riforma introdotta dalla Buona Scuola, le nuove proposte di assunzione inviate recentemente dal Ministero dell’Istruzione e la questione ancora irrisolta della gestione dei precari.
Si comincia con lo sciopero indetto dai Cobas, in partenza da Viale Trastevere, davanti alla sede del Miur, per arrivare fino alle porte di Montecitorio. Sotto accusa “Il ridicolo aumento di stipendio di appena 8 euro lordi al mese a fronte di 8 anni di blocco stipendiale”, ma anche la questione precari, molti dei quali al momento esclusi dalle assunzioni e che si vedranno anche cancellati dalle Graduatorie ad esaurimento in vista del nuovo concorsone previsto per inizio dicembre.
Anche gli studenti romani scendono in piazza: una manifestazione che alle 9.30 partirà da Piramide per poi confluire nel corte organizzato da Cobas.
Unicobas, invece ha indetto un sit in all’Esquilino: tuttavia, nel caso in cui le forze dell’ordine lo consentiranno, la manifestazione statica si trasformerà in un corteo che dovrebbe attraversare via Cavour e via dei Fori Imperiali.
A rischio le lezioni nella capitale data la massiccia affluenza di studenti, docenti e operatori Ata. Martedì prossimo si riparte con nuove contestazioni: a scendere in piazza la prossima settimana saranno i ragazzi e le ragazze di Rete della Conoscenza, in occasione della Giornata Internazionale dello Studente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 12 novembre

Next Article

Scuola elementare annulla visita alle opere religiose di Chagall e Picasso: "A rischio la sensibilità dei bambini non cristiani"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident