A La Sapienza il primo negozio con il merchandising dell’ateneo

Ha aperto il primo Sapienza store, punto vendita interno alla città universitaria destinato ad accogliere i prodotti del merchandising dell’ateneo romano. Tutti i proventi dell’iniziativa commerciale, partita in sordina nel 2008 in un piccolo ‘corner’ ospitato dall’Economato dell’ateneo e rilanciata a partire dall’inizio del 2015 dalla nuova governance, saranno impiegati per lo sviluppo di attività istituzionali e iniziative innovative in favore degli studenti.
Grande attenzione all’ecologia e al sociale, con l’offerta di prodotti realizzati con materiali riciclati. Come la nuovissima ‘Perpetua’, l’eco-matita del futuro, composta per l’80% di grafite riciclata. Molti gli esemplari ‘unici’, poiché originariamente creati dalla Scuola di design della Sapienza, realizzati in piccole serie grazie alla collaborazione con varie aziende di settore.
L’ideazione, l’organizzazione e il lancio dello store è stato un autentico laboratorio anche per gli studenti, parte attiva nelle operazioni di marketing e, in molti casi, testimonial per le immagini utilizzate nel catalogo. “Studenti al centro- spiega Roberta Iannone, delegata del rettore per il Merchandising- anche perché i proventi delle vendite contribuiranno a sostenere le attività istituzionali e le iniziative a favore degli studenti, come le biblioteche aperte 24ore e il finanziamento di borse di studio per i più meritevoli”.
matita-ecologica-pianta-sprout

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rene al posto della milza, trapianto record a Torino

Next Article

A Caserta, lo spot vincitore del concorso #LaMiaScuolaSicura

Related Posts
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".