A La Sapienza il primo negozio con il merchandising dell’ateneo

Ha aperto il primo Sapienza store, punto vendita interno alla città universitaria destinato ad accogliere i prodotti del merchandising dell’ateneo romano. Tutti i proventi dell’iniziativa commerciale, partita in sordina nel 2008 in un piccolo ‘corner’ ospitato dall’Economato dell’ateneo e rilanciata a partire dall’inizio del 2015 dalla nuova governance, saranno impiegati per lo sviluppo di attività istituzionali e iniziative innovative in favore degli studenti.
Grande attenzione all’ecologia e al sociale, con l’offerta di prodotti realizzati con materiali riciclati. Come la nuovissima ‘Perpetua’, l’eco-matita del futuro, composta per l’80% di grafite riciclata. Molti gli esemplari ‘unici’, poiché originariamente creati dalla Scuola di design della Sapienza, realizzati in piccole serie grazie alla collaborazione con varie aziende di settore.
L’ideazione, l’organizzazione e il lancio dello store è stato un autentico laboratorio anche per gli studenti, parte attiva nelle operazioni di marketing e, in molti casi, testimonial per le immagini utilizzate nel catalogo. “Studenti al centro- spiega Roberta Iannone, delegata del rettore per il Merchandising- anche perché i proventi delle vendite contribuiranno a sostenere le attività istituzionali e le iniziative a favore degli studenti, come le biblioteche aperte 24ore e il finanziamento di borse di studio per i più meritevoli”.
matita-ecologica-pianta-sprout

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rene al posto della milza, trapianto record a Torino

Next Article

A Caserta, lo spot vincitore del concorso #LaMiaScuolaSicura

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.