La risposta dei “Baroni” al ministro Carrozza: “Parole senza senso, la colpa è della politica”

ministro Carrozza

“I professori over 70? Chi rimane in ruolo offende il proprio Ateneo e i giovani”. Non si è fatta attendere la risposta dei professori universitari italiani alla battuta rilasciata a Radio24 dal ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza.

“Un po’ di demagogia”, “parole senza senso dette da chi dovrebbe conoscere bene i gravi problemi dell’università, molti imputabili alla politica, ai tagli decennali e al blocco del turnover”, commentano ai microfoni del Fatto i docenti anziani intervistati all’Università La Sapienza di Roma.

Il titolare del dicastero di Viale Trastevere non aveva usato mezzi termini nei confronti dei vecchi professori: “Sono poco generosi e onesti e offendono l’università”.

“Sono parole inaccettabili – hanno commentato i diretti interessati -, noi andiamo già in pensione a settant’anni, al massimo qualcuno può chiedere delle proroghe, ma con molti vincoli, che devono essere accettate dal rettorato”, ribattono i docenti.

“E’ sbagliato metterlo sul piano della generosità, serve una legge valida per tutti, all’estero vanno in pensione a 65 anni come tutti gli statali” afferma una professoressa di lettere.

Il caos parte dalla bocciatura delle legge Gelmini da parte della Corte Costituzionale. Il limite fissato dei 70 anni per i professori universitari, senza concedere due anni di proroga previsti per tutti gli statali, è risultato agli occhi della Consulta, infatti, illegittimo. Di fatto oggi un professore può andare in pensione anche a 72 anni se il rettore lo concede, ma per delle motivazioni e secondo dei requisiti ben specifici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cile, alle elezioni trionfa il movimento studentesco guidato da Camila Vallejo

Next Article

AMG Energia offre tirocini retribuiti con mille euro al mese per giovani Ingegneri

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.