La rassegna stampa di mercoledì 17 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Corriere della Sera – Lavoro fisso, 765 mila contratti in più – I numeri pubblicati dall’Istat segnano un netto incremento dei contratti di lavoro a tempo indeterminato: merito del jobs Act, secondo il premier Renzi.
La Gazzetta del Mezzogiorno – La ricerca rinascerà con merito e strategia – l’intervista al professor Inguscio, nuovo Presidente del Cnr: una strategia in sinergia con le politiche economiche e di sviluppo del Paese è l’unica strada per rilanciare la ricerca in Italia.
Il Resto del Carlino – Mille cervelli per l’innovazione La Regione Emilia Romagna investe 35 milioni – Al via le prime 40 assunzioni per ricercatori e scienziati nelle aziende dell’Emilia Romagna che hanno preso parte al progetto finanziato dalla Regione per favorire occupazione ed innovazione sul territorio.
La Repubblica – Dalle cellule Ogm la terapia per battere la leucemia – Parla la scienziata italiana che, in collaborazione con un team internazionale, ha messo a punto la nuova terapia che potrebbe sconfiggere diverse tipologie di tumori.
Giornale di Sicilia – Concorsone scuola, gli scritti ad aprile ma ancora nessun dato sul numero dei posti – Il ministro Giannini parla di un possibile slittamento delle date, ma i 200 mila precari in attesa della pubblicazione del bando richiedono al più presto chiarezza, quantomeno sul numero dei posti a disposizione.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

35.000 firme in 3 giorni: "ricercatori scatenati" contro il Governo

Next Article

Ermenegildo Zegna Founder's Scholarship: borse di studio all'estero da 50 mila euro per brillanti laureati

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.