La rassegna stampa di venerdì 10 luglio

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
La Stampa – La Buona Scuola è legge Sindacati contro – Con 277 voti favorevoli il DDL proposto dal ministro Giannini e dal Governo Renzi è diventato legge. Ma fuori da Montecitorio le proteste non accennano a fermarsi: non solo i docenti, ma anche i sindacati promettono battaglia e annunciano mobilitazioni di qui sino all’inizio del prossimo anno accademico.
Il Mattino – Giannini: “Questa riforma aiuterà soprattutto il Sud” – Il commento del ministro dopo l’approvazione del DDL La Buona Scuola: una riforma pensata soprattutto per rilanciare l’istruzione nel Mezzogiorno, utile sia a studenti che ai lavoratori della scuola.
La Stampa – Faraone: “Adesso aumenteremo le paghe dei professori” – L’intervista al sottosegretario all’istruzione Davide Faraone che annuncia le prossime mosse del governo sulla scuola: previsti 200 milioni di euro da investire in aumento di stipendio ai docenti.
Il Sole 24 Ore – Invalsi: paese ancora a velocità diverse – Il focus sul rapporto Invalsi 2015 mostra le discrepanze nelle scuole italiane. Per il secondo anno consecutivo sono gli studenti delle Marche a dimostrarsi i migliori d’Italia.
La Repubblica – I segreti del cervello nei tanti impegni che rinviamo – Trenta giorni oppure un mese? Nella realtà non c’è nessuna differenza, ma il cervello reagisce in maniera diversa e risce, in uno dei due casi, a far fronte in maniera ottimale alla pressione delle scadenze. Lo studio.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Centro di Informazione delle Nazioni Unite cerca tirocinanti in comunicazione, giornalismo, scienze politiche e risorse umane

Next Article

Dal MIUR 2 bandi per la ricerca da 12 milioni di euro

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.