La rassegna stampa di mercoledì 18 novembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Innovazione, Italia partner strategico della Cina – Il viaggio del ministro Giannini e della rappresentanza diplomatica italiana in Cina porta i suoi primi frutti: un accordo bilaterale per cooperazione in tema d’innovazione r ricerca scientifica.
Il Mattino – Se Oxford mette nel dizionario la faccetta che piange dalle risate – L’emoji dell’anno, tanto da essere inserita nel dizionario della prestigiosa Università britannica. Ma cosa si nasconde dietro il successo della comunicazione social?
Il Fatto Quotidiano – 28 milioni in più per le scuole private. Rinvio per Sud e sicurezza – Le scuole paritarie riceveranno 28 milioni di euro in più rispetto a quanto percepito per il 2014. La decisione fa discutere soprattutto se messa a confronto con i rimandi su temi delicati quali la messa in sicurezza degli edifici scolastici e il rilancio dell’istruzione al Sud.
la Sicilia – La sfida rumena: “Documenti in regola, la Facoltà di Medicina rimane attiva” – La risposta dei dirigenti dell’Università rumena che ha aperto corsi di Medicina ad Enna senza necessità del test d’ingresso alle polemiche sollevate dal Miur e dagli studenti.
Il Messaggero – Antibiotici, allarme Onu: no all’abuso – Le nazioni Unite lanciano l’appello a ridurre il consumo di antibiotici, una pratica diffusa soprattutto tra le popolazioni dei paesi più industrializzati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio di Stato: "Miur assuma subito i diplomati magistrali ammessi nelle Gae, pena il commissariamento"

Next Article

Regione Lazio: concorso per l'assunzione di 1.200 medici, infermieri e tecnici

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.