La rassegna stampa di mercoledì 18 novembre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli di oggi selezionati dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Innovazione, Italia partner strategico della Cina – Il viaggio del ministro Giannini e della rappresentanza diplomatica italiana in Cina porta i suoi primi frutti: un accordo bilaterale per cooperazione in tema d’innovazione r ricerca scientifica.
Il Mattino – Se Oxford mette nel dizionario la faccetta che piange dalle risate – L’emoji dell’anno, tanto da essere inserita nel dizionario della prestigiosa Università britannica. Ma cosa si nasconde dietro il successo della comunicazione social?
Il Fatto Quotidiano – 28 milioni in più per le scuole private. Rinvio per Sud e sicurezza – Le scuole paritarie riceveranno 28 milioni di euro in più rispetto a quanto percepito per il 2014. La decisione fa discutere soprattutto se messa a confronto con i rimandi su temi delicati quali la messa in sicurezza degli edifici scolastici e il rilancio dell’istruzione al Sud.
la Sicilia – La sfida rumena: “Documenti in regola, la Facoltà di Medicina rimane attiva” – La risposta dei dirigenti dell’Università rumena che ha aperto corsi di Medicina ad Enna senza necessità del test d’ingresso alle polemiche sollevate dal Miur e dagli studenti.
Il Messaggero – Antibiotici, allarme Onu: no all’abuso – Le nazioni Unite lanciano l’appello a ridurre il consumo di antibiotici, una pratica diffusa soprattutto tra le popolazioni dei paesi più industrializzati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio di Stato: "Miur assuma subito i diplomati magistrali ammessi nelle Gae, pena il commissariamento"

Next Article

Regione Lazio: concorso per l'assunzione di 1.200 medici, infermieri e tecnici

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.