Consiglio di Stato: "Miur assuma subito i diplomati magistrali ammessi nelle Gae, pena il commissariamento"

L’iscrizione nelle Graduatorie ad esaurimento da diritto all’assunzione anche per i diplomati magistrali: a sancirlo in via definitiva è stato il Consiglio di Stato che ha anche richiesto al Miur l’immediata chiamata per i 3 mila docenti attualmente esclusi dal piano di assunzioni previsto dalla Buona Scuola pena il commissariamento del dicastero di Viale Trastevere.
Era lo scorso marzo quando la prima sentenza riammetteva nelle Gae anche i 3 mila diplomati magistrali che ne erano stati esclusi; da quel momento, e grazie ai rinvii e alle verifiche proposte dal duo Renzi – Giannini, tali docenti erano stati esclusi di fatto dalle diverse fasi del piano assunzione della Buona Scuola che di fatto ha immesso nel sistema scolastico nazionale circa 100 mila docenti (tra sostituzioni ordinarie dei professori andati in pensione, docenti di sostegno e organico di potenziamento).
La sentenza definitiva del Consiglio di Stato, però, sancisce che l’immissione nelle Gae da pieno diritto all’assunzione alla stessa maniera degli abilitati tramite Tfa e Pas, il che significa che i docenti in possesso di diploma magistrale avrebbero dovuto partecipare quantomeno alle immissioni previste nella prima fase del piano assunzioni ovvero quelle relative al normale turn over scolastico. Cattedre che sono già state assegnate e che il Consiglio di Stato preferisce non rimettere in discussione per evitare di violare il diritto acquisito da altri docenti.
Per questo l’organo giuridico ha chiesto al Miur di utilizzare i rimanenti posti a disposizione per cercare di immettere anche i diplomati magistrali: considerando che al momento sono stati assegnati 87 mila cattedre a fronte delle 103 mila previste, esiste una concreta possibilità che i 3 mila diplomati magistrali vengano assunti da subito, a patto che vi siano posti in linea con le loro competenze.
In caso contrario il Miur dovrà comunque prevedere l’assunzione dei diplomati magistrali entro il prossimo anno, altrimenti si troverà ad essere commissariato, mentre il Direttore generale per gli ordinamenti scolastici (già individuato dal Consiglio di Stato come commissario ad acta) provvederà all’esecuzione.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur - MiBACT: concorso da 3 milioni di euro per far scoprire agli studenti le bellezze nascoste dei musei italiani

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 18 novembre

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".