La rassegna stampa di mercoledì 10 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Repubblica – Cyberbulli, una sfida mondiale. Così l’Fbi scova i violenti della Rete – Il problema del bullismo in rete coinvolge tutti i Paesi occidentali: le tecniche con cui l’agenzia d’investigazione americana scova e punisce chi abusa del web.
La Repubblica – Scuole superiori in 4 anni, l’esperimento si è arenato – Il tentativo di accorciare la durata del ciclo superiore di studi sembra registrare una battuta d’arresto: nell’ultimo anno, l’incremento degli istituti che hanno scelto di aderire alla sperimentazione è molto diminuito. A questo punto, la sperimentazione delle superiori di 4 anni potrebbe concludersi con un nulla di fatto.
Il Corriere della Sera – “Diteci la verità”. L’appello virale di 4600 ricercatori – Ha raccolto migliaia di adesioni l’appello lanciato da due ricercatrici inglesi per conoscere la verità dietro la brutale fine di Giulio Regeni.
Il Giornale di Sicilia – Medicina a Enna, la miopia dei rettori – La risposta del presidente della Fondazione Proserpina, la maggiore promotrice dell’accordo con l’Università rumena che ha portato all’avvio del corso in Medicina senza test d’ingresso ad Enna alla scomunica del Miur.
Tutto Scienze e Tecnologia – Usa e Cina alla sfida dei laboratori, e l’Italia sempre più indietro – L’analisi dell’agenzia Thomson Reuters indica quali sono, oggi, i colossi della ricerca. Per l’Italia, la condanna della mancanza di risorse infrastrutturali e di un piano strategico integrato.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Distretto aerospaziale Campania: 34 borse di studio da 16 mila euro per laureati in diverse discipline

Next Article

Cina, ecco il primo giornale che si legge, si pianta e fiorisce

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"