Cina, ecco il primo giornale che si legge, si pianta e fiorisce

Un giornale che, dopo letto, non si butta. Anzi. Si pianta e si innaffia. In poco tempo, poi, si vedranno nascere dei germogli dalle piante. Stiamo parlando della testata giapponese The Mainichi, che vanta una tiratura di quasi 5 milioni di copie, ed è il primo giornale verde al mondo.
Le pagina del The Mainichi sono realizzate da materie prime riciclate: i rifiuti vengono disciolti in acqua e trasformati in polpa; subito dopo, poi, possono essere ricoperti di semi che, se pressati e compattati, vanno a costituire i fogli di carta. Dal canto suo, anche l’inchiostro è prodotto utilizzando sostanze interamente vegetali.
Insomma, leggere diventa un ciclo in cui ogni copia, esaurito il primario scopo informativo, ritorna ad essere una pianta. E anche dal punto di vista economico i risultati raggiunti sono notevoli. Il giornale pare abbia conquistato nuovi lettori, calcolando il guadagno in quasi 80 milioni di yen (600.000 euro). Anche le scuole, infine, hanno deciso di adottarlo come vero e proprio modello positivo, per insegnare agli studenti l’importanza della letture e – insieme – il rispetto della natura.
ECCO COME FUNZIONA

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 10 febbraio

Next Article

Giannini sul concorso docenti: "Inglese? Non sarà decisivo"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".