La rassegna stampa di mercoledì 06 aprile

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Inguscio: “Liberare la ricerca dai vincoli della PA” – Il nuovo Presidente del Cnr torna a puntare sulla semplificazione per rilanciare il settore della ricerca.
La Repubblica – Da Pisa a Verona, così trionfano gli atenei giovani – Sono 6 le università italiane che si distinguono tra i migliori atenei al mondo con meno di 50 anni. La speciale classifica redatta dalla Times Higher Education.
La Repubblica – “Ecco chi ha ucciso Giulio”. L’accusa anonima ai vertici che svela tre segreti – Il caso di Giulio Regeni potrebbe essere giunto ad una svolta dopo che la Procura di Roma ha acquisito come prova una lettera anonima scritta in arabo che svelerebbe le connessioni tra l’omicidio del giovane ricercatore e lo Stato Maggiore egiziano.
La Gazzetta del Mezzogiorno – Il processo mediatico Sollecito sale in cattedra a bari – Dopo l’assoluzione nel caso dell’omicidio Meredith Kercher, Raffaele Sollecito sale in cattedra all’Università di Bari per un seminario sull’eccessiva attenzione dei media ai casi di cronaca nera in qualità di cultore della materia.
Il Messaggero – La colazione dolce attiva la creatività – Lo studio finanziato da Siae e Mibact mostra come l’ingestione del giusto quantitativo di zuccheri al mattino stimoli le connessioni creative all’interno del cervello umano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fare ricerca in Antartide: il Miur stanzia bando da 6 milioni di euro

Next Article

Successo per il progetto "SimulAlternanza: studenti creatori d'impresa". 458 le scuole coinvolte

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".