Successo per il progetto "SimulAlternanza: studenti creatori d'impresa". 458 le scuole coinvolte

La scuola diventa impresa: il progetto lanciato dal Miur ha raccolto l’adesione di 458 scuole, nelle quali, al momento sono state create 124 imprese virtuali già attive e operanti, 806 in fase di start-up. Sono i numeri dell’impresa formativa simulata attraverso cui, in diverse scuole superiori italiane, si svolge l’alternanza scuola lavoro prevista dalla Buona Scuola con la collaborazione di esperti e aziende.
Il progetto “SimulAlternanza: Studenti inventori d’idee e creatori d’impresa” è stato organizzato in collaborazione con CONFAO – Consorzio Nazionale per la Formazione, l’Aggiornamento e l’Orientamento. L’Impresa Formativa Simulata (IFS) consente agli studenti l’apprendimento di processi di lavoro reali attraverso la simulazione della costituzione e gestione di imprese virtuali che operano in Rete, assistite da aziende reali.
“L’impresa formativa simulata non è alternanza di serie B – ha dichiarato il Sottosegretario Miur, Toccafondi – si tratta di fare lo stesso tipo di esperienza, ma con modalità diverse, sfruttando le potenzialità della Rete e la disponibilità dei tutor aziendali a stare in contatto con le scuole. L’impresa formativa simulata è scuola a tutti gli effetti e fa fare ai nostri ragazzi un percorso che parte da come nasce un’idea di azienda e si arriva fino al mercato, passando dal business plan, allo statuto, agli organi societari, fino al bilancio. I ragazzi fanno scuola: al sapere si affianca il saper fare, alle conoscenze vengono affiancate le competenze”.
Marco Gay, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, ha dichiarato: “Fare alternanza scuola lavoro significa dare ai ragazzi la possibilità di capire come poter essere imprenditori di se stessi. Su questa partita l’impegno delle imprese c’è. Noi come giovani di Confindustria stiamo già molto a contatto con gli studenti e siamo determinati ad aumentare questo coinvolgimento. Passare dal sapere al saper fare è essenziale, sia perché i ragazzi devono conoscere meglio ciò che fanno, sia perché le aziende hanno bisogno dell’energia propositiva e innovativa che i ragazzi possono dare. L’impegno che ci siamo assunti è molto concreto, perché investire sui nostri giovani significa investire sul futuro del nostro Paese”.
“Il gap oggi esistente tra scuola e impresa rende più difficile l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. L’alternanza scuola lavoro è uno strumento utilissimo per contribuire ad arricchire le competenze degli studenti attraverso un’esperienza sul campo e aiutarli, magari, a scoprire la propria vocazione professionale. Ma non solo. Perché questo strumento può anche aiutare le aziende ospitanti a mettere a fuoco le risorse umane di cui hanno bisogno oltre che supportare le scuole per tarare i propri programmi didattici”. È  quanto ha sottolineato il segretario generale di Unioncamere Giuseppe Tripoli che ha aggiunto: “le Camere di commercio mettono a disposizione del Governo le proprie piattaforme telematiche per permettere a scuole, imprese e giovani di interfacciarsi con maggiore facilità ed efficacia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 06 aprile

Next Article

Tirocini retribui per studenti e laureati a Parigi presso l'Autorità Europea dei Mercati

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".