La rassegna stampa di martedì 25 agosto

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Gazzetta del Sud – Scuola, i precari contro Faraone – Il sindacato Anief ha raccolte 1.500 email in 10 giorni provenienti da docenti precari che chiedono le dimissioni del segretario all’Istruzione Davide Faraone.
Italia Oggi – Ata, ripresa d’anno amara – Niente assunzioni per oltre 4 mila operatori Ata precari: le immissioni previste dal Miur sono state bloccate dal Ministero degli affari Economici. Al loro posto verranno mobilitati gli ex dipendenti delle Provincie. Contro la decisione del Governo, il sindacato Anief ha avviato una class action che ha già raccolto diverso centinaia di adesioni.
Il Sole 24 Ore – Percorsi di studio fai da te. E alle superiori debuttano gli insegnamenti opzionali – La scuola di rinnova, offre maggiore scelta e si adatta meglio alle caratteristiche di ogni singolo studente: così, con la riforma recentemente varata, debuttano anche alle superiori, gli insegnamenti opzionali.
Avvenire – I rettori: “Investire un miliardo di euro in formazione per i nati nel 2015” – La proposta del presidente della CRUI, Stefano Paleari, si basa su semplici dati statistici: occorre circa un miliardo di euro per garantire una formazione a tutti i bambini nati nell’anno in corso.
Il Messaggero – Diabete, si può prevedere 5 anni prima – Un nuovo test, messo a punto da un team di ricercatori, punta a battere la malattia sul tempo, riuscendo a prevederne l’insorgere con 5 anni di anticipo rispetto agli esami tradizionale.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Soddisfatti o rimborsati? In Inghilterra l'Ateneo rimborsa lo studente che non trova lavoro

Next Article

Scuola, addio al certificato medico per le assenze superiori ai 5 giorni

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).