La rassegna stampa di martedì 20 ottobre

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Stampa – Verso la scuola digitale – In arrivo dal Miur 140 milioni di euro per dotare le scuole di italiane di ambienti e tecnologie digitali. Docenti e dirigenti potranno ricorrere al Ministero per ottenere consigli ed indicazioni su come presentare i progetti di sviluppo digitale.
La Repubblica – L’ora di religione in aule semivuote. “Ma è vietato unire le classi – Sempre meno ragazzi partecipano all’ora facoltativa di religione. Le aule si vuotano, ma rimane il divieto di accorpare le classi e riunire i pochi che vogliono seguire i corsi.
Corriere della Sera – “Vai ad Arcore a fare la escort”. Il Pm: al docente tre anni di carcere – Sono stati richiesti 3 anni e 8 mesi di reclusione per il docente di storia dell’arte di un liceo romano che avrebbe invitato una sua alunna, rea di indossare gonne troppo corte, a prostituirsi.
La Repubblica – I manager accusano la scuola: “Non prepara i giovani al lavoro” – I manager delle aziende del Lazio puntano il dito contro la scuola e lamentano una cronica mancanza di preparazione, in particolare per quel che riguarda le soft skills, nei ragazzi appena usciti da licei e istituti superiori.
Il Secolo XIX – Al cinema con i ricercatori, quando i film aiutano a spiegare la tecnologia – La curiosa iniziativa a Genova: unire cinema e scienza per portare al più largo pubblico possibile le innovazioni nate e sviluppate nelle Università e nei centri di ricerca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

New York Times, tirocini retribuiti con 1.000 dollari settimanali per aspiranti giornalisti

Next Article

Anna Ascani (PD) su Twitter battezza la riforma Renzi-Giannini con l'hashtag #labuonasola

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).