Anna Ascani (PD) su Twitter battezza la riforma Renzi-Giannini con l'hashtag #labuonasola

Roma, 11.3.2013. Riunione del PD nel Centro Capranica. Arrivo di Anna Ascani

Un hashtag degno dei migliori detrattori della riforma Renzi-Giannini: #labuonasola. Peccato che a twittarlo sia stata una delle fedelissime del premier ed esponente di spicco del PD, soprattutto in televisione. Anna Ascani, deputata del partito democratico è incappata in un simile scivolone social intervenendo all’incontro di un consigliere comunale del suo partito, Marco Pierini: per dimostrare la grande affluenza alla riunione, la Ascani ha postato su Twitter la foto dell’aula piena accompagnata dalla didascalia: “Solo posti in piedi a casa di Pierini per la buona sola”.
anna ascani la buona sola
Uno scivolone, subito corretto visto che il tweet, in pochi istanti è stato rimosso dal profilo della Ascani, che ha immediatamente scatenato le ironie del popolo della rete, anche perché l’hashtag utilizzato dalla deputata PD è proprio quello creato da docenti e addetti ai lavori per contestare la riforma della scuola, ribattezzata dal ministro all’Istruzione Stefania Giannini “La Buona Scuola”.
Che ci sia qualche ripensamento nel PD sull’esito della riforma della scuola? Non sembra: pochi istanti dopo l’errore, infatti, Anna Ascani ha pubblicato nuovamente il suo post, stavolta con la dicitura “ufficiale” scelta dal suo partito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 20 ottobre

Next Article

Fondazione Lello Lombardi: 20 premi di studio per giovani laureati

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".