La rassegna stampa di martedì 19 aprile

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Repubblica – Piano di ricerca da 2,4 miliardi e 6000 posti di dottorato – L’impegno per rilanciare la ricerca in Italia ricordato ieri dal ministro dell’Istruzione, Stefania Gianni, e dal Presidente del Cnr, massimo Inguscio, durante un incontro con i rettori delle università lombarde: oltre al piano da 2,4 miliardi di euro, atteso anche l’investimento che porterebbe oltre 6 mila borse di dottorato.
Avvenire – Concorso scuola, commissari pagati due euro all’ora – Dopo le polemiche, il Governo è riuscito a raddoppiare il compenso previsto per i quasi 10 mila commissari che valuteranno le prove degli aspiranti prof.
La Repubblica – L’ispettore nella scuola della ragazza autistica esclusa dalla gita. I ragazzi sotto shock: “Abbiamo sbagliato” – Provano a fare mea culpa i compagni di classe che, con le loro lamentele, avevano causato l’esclusione di una ragazza autistica dalla gita scolastica. Intanto il Miur ha disposto un’indagine per chiarire le responsabilità dell’accaduto.
La Stampa – Alternanza scuola lavoro: 1 su 2 non ha visto l’azienda – Migliaia di giovani quest’anno sono stati inseriti obbligatoriamente in percorsi di alternanza scuola lavoro, eppure, stando ad un sondaggio di Skuola.net, circa il 50% di loro non ha avuto nessun contatto con un’azienda.
Ansa – Giannini: “Superare l’assetto novecentesco della ricerca” – Flessibilità, mobilità, semplificazione, integrazione e attrattività: queste le parole chiave che, secondo il ministro Giannini, serviranno ad abbandonare l’assetto attuale del sistema ricerca italiano, secondo il ministro troppo impostato su canoni dello scorso secolo, per aprire di slancio nuove prospettive.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 18 aprile

Next Article

Inguscio - Giannini all'Università Bicocca per la Giornata della Ricerca: "Semplificazione e mobilità, parole chiave del rilancio"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"