La rassegna stampa di martedì 15 marzo

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
L’Unità – Il premier agli studenti: “Con voi anticipiamo il futuro” – Matteo Renzi è intervenuto ieri all’evento di lancio dell’Harvard World MUN, la simulazione dei lavori delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali che riunisce oltre 2 mila studenti delle università più prestigiose al mondo e che quest’anno, in occasione della 25 esima edizione, si svolge a Roma.
Il Corriere della Sera – Bosch, maxi piano per i neolaureati: 14 mila assunzioni in tutto il mondo – Il piano di assunzioni dell’azienda tedesca porterà l’innesto di quasi 14 mila neolaureati in discipline tecnico scientifiche all’interno delle sedi sparse in tutto il mondo.
Il Corriere della Sera – I soldi persi dagli under 30 – I giovani di oggi guadagnano il 19% in meno rispetto ai loro coetanei negli anni ’80. Una crisi generazionale che vede l’Italia tra i peggiori Paesi nel mondo occidentale.
La Stampa – “Io, prima studentessa Erasmus a Teheran, tra velo, tè e kebab” – L’esperienza di Valentina, la prima studentessa ad andare in Iran grazie al programma Erasmus+
La Repubblica – L’archistar Kengo Kuma disegnerà il progetto della Statale per il dopo Expo – Sarà l’architetto giapponese Kengo Kuma a disegnare il progetto per la sede dell’Università Statale di Milano che sorgerà nell’area dell’Expo e sarà perno del progetto Human Technopole.
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Best Program: 30 borse da 35 mila euro per studiare nella Silicon Valley

Next Article

Café Babel cerca madrelingua italiano: contratto di 10 mesi a oltre 1.000 euro mensili

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"