La rassegna stampa di giovedì 22 ottobre

Il Giorno – Ai prof 500 euro, ma devono presentare gli scontrini – Per usufruire del bonus da 500 euro per l’autoformazione, i docenti italiani dovranno giustificare le proprie spese. Dai libri ai concerti, fino alle rappresentazioni teatrali e i corsi di formazione: tutti i settori validi per spendere il bouns da 500 euro.
La Nazione – L’alcol test adesso entra in classe. Controlli obbligatori per i prof – Saranno obbligatori i controlli per verificare eventuali abusi di alcol nei riguardi di docenti. La misura che fa discutere.
Il Gazzettino – Tasse Universitarie, lo IUAV l’Ateneo più caro – L’università di Venezia si aggiudica la prima posizione tra quelle più costose in Italia; all’opposto, l’Ateneo dell’Aquila si conferma il meno dispendioso con i suoi 21 euro di tasse (costo bassissimo dovuto, chiaramente, alle difficoltà ancora presenti dopo il terremoto).
Panorama – Alzheimer: l’emergenza del secolo – La sindrome che colpisce milioni di uomini e donne in tutto il mondo sta diventando una vera e propria priorità in campo medico e scientifico. Ad oggi, tuttavia, una cura definitiva appare ancora lontana. Il focus sulla sindrome d’Alzheimer e lo stato attuale delle ricerche scientifiche nell’articolo di Panorama.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal 19 al 24 ottobre è la settimana della lingua italiana nel mondo

Next Article

Tasse universitarie, Italia al terzo posto in Ue dopo Inghilterra e Paesi Bassi

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).