La Qu.a.s. premia le tesi sull’Assistenza Sanitaria

La Qu.a.s., Cassa di Assistenza Sanitaria Quadri, ha stabilito lo stanziamento di 10.000 euro per l’assegnazione di 10 premi di laurea per titoli conseguiti dal 1 gennaio 2007 al 30 ottobre 2008. Il concorso è riservato agli iscritti o ai figli di iscritti alla Qu.a.s.

I premi di laurea, dell’importo di 1.000 euro ciascuno, saranno assegnati alle miglior tesi in materia di Assistenza Sanitaria Integrativa, di Welfare contrattuale e dell’inclusione sociale nell’ambito del settore terziario privato, con particolare riferimento al commercio, turismo e servizi.
Per partecipare al concorso è necessario inviare due plichi, uno contenente la tesi di laurea in forma anonima e l’altro con la domanda di partecipazione, l’attestato dell’Università riportante la votazione conseguita, la dichiarazione del reddito complessivo del quadro iscritto e l’autocertificazione corredata dal documento di identità del dichiarante, attestante la data di nascita.
I due plichi dovranno essere spediti in un’unica busta indirizzata alla Presidenza della QUAS, Lungotevere Sanzio 15, 00153 Roma, ed essere inviati entro e non oltre il 15 novembre 2008 tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venditori di spazi pubblicitari su Roma

Next Article

Master in Media Education

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.