La Ministra Azzolina e il Ministro dell’Istruzione dell’Argentina Nicolás Trotta a confronto sulla didattica a distanza

Italian Education Minister Lucia Azzolina during a press conference about Italy’s coronavirus emergency situation at Chigi palace, Rome, 04 March 2020. The government has decided to close schools and universities until mid-March to reduce the risk of contagion of the coronavirus. ANSA/ANGELO CARCONI

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha incontrato, in videoconferenza, il Ministro dell’Istruzione dell’Argentina, Nicolás Trotta. Al centro del confronto, le azioni messe in campo dall’Italia per rispondere all’emergenza coronavirus, in particolare sul fronte istruzione. Azzolina ha illustrato all’omologo argentino quanto fatto per garantire agli studenti la prosecuzione delle attività didattiche. In Argentina l’anno scolastico è appena iniziato ma le scuole sono chiuse dallo scorso 16 marzo e le lezioni proseguono a distanza.

Il Ministro Trotta ha espresso solidarietà all’Italia e ha manifestato la volontà di restare in contatto costante per avere aggiornamenti su ogni nuova misura adottata dal nostro Paese. I due Ministri hanno poi concordato sulla necessità di riprendere l’ampia collaborazione bilaterale già in campo nel settore dell’istruzione e per la diffusione della lingua e della cultura italiana in Argentina.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, intelligenza artificiale 'made in Italy' per ricerca

Next Article

Azzolina: “Via libera al decreto sugli Esami. La valutazione dell’anno sarà seria e coerente con quanto svolto”

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.