La manovra statunitense conferma i Pell grants per gli studenti

L’accordo last-minute tra democratici e repubblicani per l’innalzamento del tetto del debito federale colpira’ anche gli studenti degli Stati Uniti. Ne da’ notizia la CnnMoney, l’inserto economico del sito web dell’emittente statunitense.

I tagli alla spesa per 2.100 miliardi di dollari fissati dal Congresso falceranno le agevolazioni ai prestiti accademici degli universitari americani, che dovranno, inoltre, cominciare a pagare gli interessi ancor prima di terminare il ciclo di studi. Fino ad oggi, invece, era possibile riconsegnare i prestiti entro sei mesi (in alcuni casi anche dodici) dal giorno del conseguimento della laurea.

Il provvedimento, che dovrebbe entrare in vigore il 1 luglio del 2012, cumulera’ un risparmio, secondo il Congressional Budget Office, di 21,6 miliardi dollari nei prossimi dieci anni. L’obiettivo e’ mantenere saldi i Pell grants, i fondi per gli studenti universitari meno abbienti che, ad oggi, prevedono un contributo massimo di 5.500 dollari l’anno per 8 milioni di studenti, ai quali verra’ dunque garantita protezione speciale da qualsiasi decurtazione.

Fonte Asca

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Photoaid. Per inventare ogni giorno la speranza

Next Article

Dal 5 per mille benefici agli studenti

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).