La lotta al cancro si combatte grazie ai topi

topi-laboratorio1Un topo dotato di un sistema immunitario molto simile a quello umano.

E’ la risposta dei ricercatori dell’University of Southern California al tumore.

Il team punta ad aprire la strada ad un più rapido sviluppo della prossima generazione di farmaci e terapie contro il cancro, il diabete e la tubercolosi.

Tanta la prudenza. Sono tanti i medicinali sperimentali che sembrano funzionare sui roditori ma che poi falliscono quando vengono testati sulle persone.

E’ accaduto con l’α-GalCer, il farmaco che sconfigge il tumore dei topi, ma che per ragioni ignote non fa scattare la stessa risposta nei malati di cancro. Gli scienziati ipotizzano che il problema sia dovuto a sottili differenze tra le molecole CD1d nei topi e negli esseri umani. Queste molecole si trovano in determinate cellule che innescano la risposta immunitaria innata dell’organismo.

Gli studiosi americani spiegano in che modo sono riusciti a creare topi geneticamente modificati per esprimere molecole CD1d che assomigliano di più a quelle degli esseri umani. Le molecole umanizzate innescano le cellule T natural killer, un tipo di globuli bianchi che attacca tumori e infezioni negli animali esposti ad α-GalCer.

Una volta attivate, le cellule T natural killer reagiscono nel lasso di qualche ora, mentre altre cellule T possono richiedere giorni. Il topo umanizzato permetterà agli scienziati di testare più accuratamente gli effetti dei farmaci mirati alle super-cellule T, prima di passare a studi clinici sull’uomo. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Save the Children: il Cyber bullismo l'incubo dei ragazzini

Next Article

Università: Il direttore Berriola presenta a Uno Mattina la sua ricetta anti esodi

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.