Napoli, la Iervolino si affida ai prof

rosarussoiervolino.jpgDopo una lunga giornata di lavoro e dopo l’incontro con i vertici locali del Pd, il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino ha varato, ieri intorno alle 22, la sua nuova giunta. Vicesindaco viene riconfermato Pino Santangelo, mentre sono sei le new entry: Enrica Amaturo, professore ordinario di Sociologia già preside della facoltà; Paolo Giacomelli, già direttore del settore Igiene urbana del Comune di Roma; Riccardo Realfonso, professore ordinario di Economia politica all’Università del Sannio; Diego Guida, industriale editore; Marcello D’Aponte, professore ordinario di Diritto del lavoro pubblico alla facoltà di Scienze politiche della Federico II; Pasquale Belfiore, ordinario di composizione architettonica alla Sun nonché presidente dell’Inarc Campania. Esce anche l’assessore Gennaro Mola.
E stamattina la Iervolino è arrivata presto a Palazzo San Giacomo per lavorare alla definizione della sua nuova giunta. Il primo cittadino sta lavorando per l’assegnazione delle deleghe. Nicola Oddati – assessore della nuova squadra, un uscente riconfermato – pilastro delle giunte Iervolino fin dal primo insediamento esterna sulle nuove nomine: «Finalmente si ricomincia – dice – abbiamo una giunta di alto profilo, anche migliore di quella che si potesse immaginare nei giorni scorsi». Molti docenti universitari, è vero, concede, che «potranno però dare un contributo tecnico in settori diversi: sono giovani fra i 40 e 50 anni, e hanno esperienze in diversi campi professionali. Avvocati, architetti, sociologi. Ma anche imprenditori».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

2009: giovani precari e pessimisti

Next Article

Viaggio nel mondo dei Master: La competenza fa la differenza

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).