La Federico II manda in pensione 150 ricercatori

Si riuniranno oggi, 12 gennaio 2009 nell’aula De Sanctis in corso Umberto a Napoli, i 150 ricercatori che l’Università Federico II ha preventivamente mandato in pensione per rientrare delle spese per il personale che superano il 90 per cento del Fondi di finanziamento ordinario.
Decisione che è stata presa lo scorso 29 dicembre nel corso di un Senato accademico e che manderà a casa il personale che ha raggiunto i 40 anni di contribuzione.
Crisi per i ricercatori ma anche per quei corsi di laurea che, non potendo contare sull’insegnamento dei ricercatori, rischiano la chiusura.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Io sinceramente sono dalla parte dei ricercatori, almeno stavolta. Si fanno il mazzo dalla mattina alla sera, fanno quadrare i conti per i corsi di laurea, hanno carichi didattici come ordinari e associati e poi?!?! Sono considerati come bidelli o altro. Ovvio che sono incavolati neri. La loro dignità è veramente stata distrutta. Il rettore ha fatto veramente sch***. Poteva tagliare da qualsiasi altra parte, ma non la ricerca.

Lascia un commento
Previous Article

Animatori in tutta Italia e all'estero

Next Article

Belpietro e Cantone al seminario di giornalismo investigativo

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale