La dura vita dei dottorandi, in edicola con corriere dell’università job

Schermata 05-2456414 alle 10.06.51

Solo l’1% dei dottorandi riesce a lavorare dopo il periodo di ricerca. Tutti gli altri avranno semplicemente allungato, di tre o cinque anni, la loro permanenza all’Università ritardando così l’ingresso nel mondo del lavoro.

Il risultato? L’Italia è all’ultimo posto in Europa per numero di dottorandi (1 ogni 1000 abitanti), superata persino dalla Polonia e dall’Islanda.

Ma a far scivolare in coda alla classifica il nostro Paese, è anche il guadagno netto di un ricercatore: appena 1005 euro al mese, denaro che spesso non basta neanche a pagare spostamenti, convegni e conferenze ai quali un dottorando deve necessariamente partecipare.

C’è poi la questione “accesso” ai posti banditi con regolare concorso.

Molti studenti denunciano irregolarità, scasa trasparenza e totale trascuratezza dei principi minimi di meritocrazia.

Realtà inquietanti che stanno producendo una prima pericolosa tendenza: negli ultimi anni i dipartimenti si trovano con offerte di dottorato con o senza borsa di studio, alle quali non fa riscontro la domanda da parte dei laureati, scoraggiati dalla grande incognita del post ricerca.

Sono numeri e dati allarmanti quelli raccolti dal corriere dell’Università Job che dedica l’inchiesta di maggio alla difficile vita dei dottorandi.

“Pensiero Stipendio”  il titolo della copertina del mensile in edicola venerdì prossimo a Roma e a Napoli, ed il  7 maggio prossimo a Milano.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Primo maggio, tra festa e realtà

Next Article

70 mila donne disoccupate in un mese

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.