La Commissione europea chiama 600 tirocinanti

Resterà aperta fino al 15 febbraio 2010 la possibilità di candidarsi ai 600 stage organizzati alla Commissione europea, con un rimborso spese di oltre mille euro al mese. 550 posti sono destinati ad administrative traineeships, dunque aperti a tutti, mentre i restanti 50 sono riservati a interpreti e traduttori (translation traineeship).
Quasi tutti gli stagisti saranno inviati a Bruxelles, tranne una cinquantina che verranno dislocati a Lussemburgo. Gli stage durano cinque mesi e non sono prorogabili; alla fine del tirocinio la Commissione rilascerà un attestato di frequenza. Ogni stagista riceverà un rimborso spese di circa 1050 euro al mese, a cui si aggiungeranno altri due benefit: la possibilità di utilizzare la mensa a prezzo agevolato e un rimborso spese per il viaggio di andata e ritorno.
I candidati devono parlare fluentemente almeno una delle tre lingue utilizzate per i lavori della Commissione (inglese, francese e tedesco). Altri requisiti per potersi candidare sono: essere cittadini di uno dei Paesi membri dell’Unione europea e avere almeno una laurea triennale. Nella maggior parte dei casi i vincitori risultano essere laureati in giurisprudenza o economia, ma il bando è aperto a tutti i tipi di laurea.
Non ci si può candidare nella stessa sessione per gli stage amministrativi e per quelli di interpretariato: bisogna scegliere quale carta tentare. I prescelti per gli stage cominceranno a ottobre 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, nuove speranze dal lievito

Next Article

Assistenti sociali, ecco il bando dell’Inail

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.