La Commissione europea chiama 600 tirocinanti

Resterà aperta fino al 15 febbraio 2010 la possibilità di candidarsi ai 600 stage organizzati alla Commissione europea, con un rimborso spese di oltre mille euro al mese. 550 posti sono destinati ad administrative traineeships, dunque aperti a tutti, mentre i restanti 50 sono riservati a interpreti e traduttori (translation traineeship).
Quasi tutti gli stagisti saranno inviati a Bruxelles, tranne una cinquantina che verranno dislocati a Lussemburgo. Gli stage durano cinque mesi e non sono prorogabili; alla fine del tirocinio la Commissione rilascerà un attestato di frequenza. Ogni stagista riceverà un rimborso spese di circa 1050 euro al mese, a cui si aggiungeranno altri due benefit: la possibilità di utilizzare la mensa a prezzo agevolato e un rimborso spese per il viaggio di andata e ritorno.
I candidati devono parlare fluentemente almeno una delle tre lingue utilizzate per i lavori della Commissione (inglese, francese e tedesco). Altri requisiti per potersi candidare sono: essere cittadini di uno dei Paesi membri dell’Unione europea e avere almeno una laurea triennale. Nella maggior parte dei casi i vincitori risultano essere laureati in giurisprudenza o economia, ma il bando è aperto a tutti i tipi di laurea.
Non ci si può candidare nella stessa sessione per gli stage amministrativi e per quelli di interpretariato: bisogna scegliere quale carta tentare. I prescelti per gli stage cominceranno a ottobre 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, nuove speranze dal lievito

Next Article

Assistenti sociali, ecco il bando dell’Inail

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.