L' Università del Salento punta alla mobilità studentesca con "Inter-Asia"e "Cross-border Studies

L’università del Salento vince due bandi della Regione Puglia per la mobilità studentesca. Al via i progetti Inter-Asia e Cross-border Studies in the Humanities

Si chiamano “INTER-ASIA” e “Cross-border Studies in the Humanities” i progetti per l’internazionalizzazione che l’Università del Salento ha visto approvare e finanziare per intero dalla Regione Puglia.“INTER-ASIA” punta a rafforzare gli scambi e la cooperazione con l’area geografica asiatica emergente (Kazakistan, Cina, Pakistan, Iran), privilegiando l’attrazione di flussi di studenti stranieri in entrata; “Cross-border Studies in the Humanities” su un ampliamento della rete della mobilità studentesca incoming con Paesi dell’area balcanica (in particolare Albania, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Romania).
Con il coordinamento della Prorettrice Mariaenrica Frigione, delegata del Rettore all’Internazionalizzazione, i progetti sono stati elaborati in modo trasversale tra i Dipartimenti e in modo che fossero di largo interesse per l’Ateneo, sulla base delle esigenze emerse e delle Università estere di interesse per l’avviamento o il rafforzamento delle collaborazioni e di rapporti di partnership. L’obiettivo è incrementare l’attrattività dell’Ateneo salentino nei confronti degli studenti stranieri, ma anche di sostenere la mobilità degli studenti salentini interessati a periodi di mobilità verso Paesi per i quali non c’è copertura da finanziamenti Erasmus. Entrambe le proposte contengono azioni e iniziative con effetti permanenti a sostegno delle politiche che l’Ateneo ha intrapreso in tema di internazionalizzazione, tra i quali la promozione delle attività d’Ateneo con realizzazione di video e altro materiale informativo/divulgativo e la realizzazione di attività e servizi di accoglienza per gli studenti stranieri, con l’allestimento di locali appositamente attrezzati e l’istituzione di corsi di lingua italiana.
«Un eccellente risultato, due progetti approvati e finanziati al 100% di quanto richiesto», sottolinea la Prorettrice Frigione, «Merito del lavoro della squadra che si è costituita in questa occasione in modo trasversale ai Dipartimenti e del contributo degli Uffici che hanno affiancato i docenti sugli aspetti amministrativi. Il mio impegno continuerà a essere massimo nell’ottica di incrementare i finanziamenti e implementare tutte le nostre attività in tema di internazionalizzazione».
«Si tratta di progetti che porteranno significativi benefici ai nostri studenti e all’attività generale d’Ateneo», conclude il Rettore Vincenzo Zara, «in un settore, come quello dell’attrattività a livello internazionale, che consideriamo tra gli strategici non solo per la nostra crescita ma anche più in generale come contributo a quella dell’intero territorio».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti dell'Università di Udine e Amazon per la biblioteca digitale di Amatrice

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 24 febbraio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".