Kaës neo-laureato alla Sun

kaes-laurea-4.JPGLa Seconda Università degli Studi di Napoli non poteva scegliere scenografia migliore per il conferimento di una laurea Honoris Causa.

Il “laureando” Professore Emerito di Psicologia e Psicopatologia dell’Universitè Lumierè Lyon II Renè Kaës, ha ottenuto il prestigioso diploma in Psicologia Clinica ieri, 15 dicembre nell’Aula Magna della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione all’interno del Palazzo Reale di Caserta.

“Da sempre il prof. Kaës è vicino alla nostra Università, interessato ai nostri lavori” ha esordito il Magnifico Rettore Francesco Rossi, in perfetto accordo con il Preside della Facoltà di Psicologia Alida G. Labella che ha lasciato spazio all’introduzione della prof. Olimpia Matarazzo. “Kaës affianca la Sun costantemente dal 2001, con seminari e convegni. Ha sempre avuto nel cuore le università napoletane; è lampante l’onestà intellettuale e l’umiltà di quest’uomo” ha affermato la prof. Matarazzo.

La sentita laudatio del Prof. Celestino Genovese dopo un excursus sulle pubblicazioni dello studioso e una dissertazione sui cardini dei suoi studi ha inquadrato così Renè Kaës “egli restituisce l’immagine di un giovane studioso che coniugava la sensibilità per i problemi sociali con il rigore del metodo scientifico”.

Proseguendo, Kaës in un italiano decisamente convincente ha ringraziato i colleghi della Sun per questo merito e ha poi illustrato la sua lectio magistralis intitolata “Il lavoro dell’inconscio in tre luoghi della realtà psichica. Un modello della complessità”.

Da sempre pioniere della psicoanalisi di gruppo, è partito da Freud per trattare gli spazi della psicoanalisi: del gruppo, del legame e del soggetto singolo.

 “Un soggetto non esiste senza i suoi legami” ha affermato Kaës. Commovente il momento del conferimento del Diploma di laurea a cui è seguito un brindisi per lo scambio degli auguri di Natale e un concerto presso il Teatro di Corte tenuto dai migliori allievi del Conservatorio di San Pietro a Majella.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Financial Times: l’anno nero delle Business School

Next Article

Una nuova qualità di lavoro

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.