Financial Times: l’anno nero delle Business School

taglio-basso-sinistra.jpg“Il 2009 è l’annus horribilis”. A scriverlo è il Financial Times, e non è certo la prima volta che lo afferma. Stavolta, però, argomenta quest’assunto partendo da una classifica. È stato incasellando i nomi delle Business School mondiali nel suo ranking dei ranking, infatti, che il quotidiano finanziario più importante d’Europa è giunto ad apporre ancora una volta la casacca nera all’anno che sta, finalmente, finendo.
Certo è che il comparto delle Business School d’alto lignaggio era ed è tutt’ora in profondo stato d’agitazione. Lampada fissa puntata negli occhi, è uno dei principali indagati per la catastrofe mondiale della crisi globale. Capo d’accusa: aver formato i manager che ci hanno condotto nel baratro planetario. Ebbene, è un comparto che perde credibilità. “Stagnazione nel numero degli iscritti” si legge nell’articolo di presentazione della classifica. Anche se non tutto il mondo è paese.
L’Europa, tutto sommato, è quella che sta meglio, vuoi per programmi più corti, vuoi per la maggior diffusione degli istituti. Ma quali i collegamenti tra la crisi mondiale e la decadenza delle Business School? Vi sono due link rilevanti (così come descritti sempre dal Financial).
Primo: i salari. In questo tempo di magra nera le aziende abbattono le remunerazioni. Quindi, i loro quadri top class stanno perdendo potere attrattivo. Secondo: quelle medesime aziende non investono più in formazione come un tempo. Producendo crisi.
“Una crisi ravvisabile – si legge sempre sul FT – nella staticità della classifica”. Nella top ten non ci sono infatti movimenti di rilievo rispetto allo scorso anno. E soltanto 7 sono le new entry su 70, tra cui una (56esima) è la School of Management del Politecnico di Milano che, insieme all’SDA della Bocconi (24°), compone la minipattuglia tricolore in classifica. Insomma: anche i ricchi piangono. E poco importa se la loro ricchezza è, come l’alta scienza economica, completamente immateriale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’improcessabilità del potere

Next Article

Kaës neo-laureato alla Sun

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).