Istat, 2,7 mln senza posto fisso

Sarebbero oltre 2, 7 milioni le persone che in Italia sono senza posto fisso. A confermare il dato il numero crescente dei dipendenti a termine. Un aumento che coinvolge per circa due terzi gli under 35.

Sarebbero oltre 2, 7 milioni le persone che in Italia sono senza posto fisso. A confermare il dato il numero crescente dei dipendenti a termine. Un aumento che coinvolge per circa due terzi gli under 35. Quanto ai collaboratori, invece, si registra un piccolo passo indietro rispetto al terzo trimestre del 2010. È quanto emerge dai dati Istat sul terzo trimestre del 2011.

L’istituto di statistica sottolinea come in Italia ci sono 2,364 milioni di dipendenti a tempo determinato e 385 mila collaboratori. In tutto si tratta, quindi, di 2,749 milioni di persone a cui manca il posto fisso, ovvero lavoratori atipici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unisa, apre lo store

Next Article

Cancellieri, incomprensioni sul posto fisso

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).